Coronavirus, Roberto Burioni decide di fare chiarezza: ‘Asintomatico non vuol dire non essere malati’

In un suo articolo, Roberto Burioni ha finalmente fatto chiarezza su cosa vuol dire esattamente essere asintomatico da Coronavirus. 

Coronavirus Burioni
Roberto Burioni fa chiarezza su cosa significa essere asintomatico da Coronavirus. Fonte Foto: Pixabay

È da diversi mesi, ormai, che il Coronavirus è entrato prepotentemente nelle nostre vite. Seppure ci sembrava una realtà completamente estranea da noi, purtroppo, da circa Febbraio scorso, anche il nostro Paese, così come poi tutto il mondo, ha iniziato una dura lotta contro questo nemico invisibile. Perché, parliamoci chiaro, si tratta, senza alcun dubbio, si un vero e proprio nemico di cui purtroppo conosciamo davvero ben poco. Certo, sappiamo i suoi altissimi livelli di contagiosità. O di come avviene il suo contagio. Ma poi? Cosa sappiamo più? Al momento, purtroppo, non c’è una risposta certa. Non sappiamo, ad esempio, quanto dura esattamente la malattia. C’è chi, infatti, è guarito dopo pochissime settimane. O chi, invece, dopo tantissimi giorni di quarantena. Quindi, da come potete chiaramente intendere, sono davvero tantissime le domande alle quali, purtroppo, non c’è ancora risposta. È proprio per questo motivo che Roberto Burioni, in un suo recente articolo su ‘Medical Facts’, ha voluto rispondere ad uno dei veri e proprio enigmi di questa malattia? Cosa significa asintomatico? Ecco le parole del virologo.

Roberto Burioni fa chiarezza su cosa significa essere asintomatico da Coronavirus

I numeri dei contagiati da Coronavirus, in questo ultimo periodo, aumentano giorno dopo giorno. E se una parte stiamo assistendo ad un alto numero di tamponi effettuati, dall’altra sappiamo per certa che una buona percentuale di nuovi positivi sono asintomatici. Ecco, questa parola è entrata a tutti gli effetti nel nostro ‘vocabolario’ da diversi mesi, ma cosa significa esattamente? Asintomatico, quindi, significa non essere malato? E potersi dare alla pazza gioia ugualmente? Assolutamente no! Ed è proprio questo, infatti, che Roberto Burioni, in un suo recente articolo pubblicato su ‘Medical Facts’, ha voluto sottolineare. Ed ampiamente spiegare. Essere asintomatico e, quindi, senza i classici sintomi del Covid-19, da come si può chiaramente comprendere da questo articolo, non significa affatto non essere malato. Anche perché, come sottolineato anche dal famoso virologo, la stragrande maggioranza di nuovo positivi, purtroppo, deriva proprio da loro. ‘Molte persone infettate dal Coronavirus non hanno sintomi, ma questo non vuole dire che siano sane’, dice Roberto Burioni in questo articolo. Ma non solo. Come dicevamo precedentemente, ciò che il virologo tende a sottolineare con questa sua spiegazione è il fatto di quanto questi asintomatici siano effettivamente capaci di contagiare gli altri. ‘Questi asintomatici possono essere contagiosi e questo è il vero problema’, continua a dire il buon Burioni.

Coronavirus Burioni
Fonte Foto: twitter

Quindi, ricapitolando: essere asintomatici, secondo le parole di Roberto Burioni, non significa affatto stare bene. O non essere malati. Certo, magari i danni che subiranno a causa della malattia saranno meno gravi rispetto a coloro che, invece, hanno avvertiti i veri e proprio sintomi. Fatto sta che, in ugual modo, questi possono contagiare gli altri.