Coronavirus, quali sono gli effetti collaterali del vaccino Pfizer-BionTech

Quali sono gli effetti collaterali del vaccino prodotto da Pfizer e BionTech contro il Coronavirus? Alcuni volontari li hanno descritti

coronavirus vaccino effetti collaterali
Coronavirus, quali sono gli effetti collaterali del vaccino (Fonte: Pixabay)

Le due aziende farmaceutiche Pfizer e BionTech hanno prodotto un vaccino anti-Coronavirus che sembra dare gli effetti desiderati. Le aziende, infatti, ha dichiarato che il farmaco ha un’efficacia del 90%. Le prime dosi dovrebbero arrivare verso la fine dell’anno, mentre in Italia probabilmente saranno distribuite tra gennaio e febbraio. La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: “La Commissione presto firmerà un contratto con loro per avere fino a 300 milioni di dosi”.

Coronavirus, quali sono gli effetti collaterali del vaccino

Il vaccino prodotto da PfizerBionTech potrebbe rappresentare una svolta nella lotta al Coronavirus. Il farmaco pare abbia un’efficacia del 90%. Nel frattempo, i volontari hanno raccontato quali sono gli effetti collaterali: Glenn Deshields, 44enne di Austin, Texas, ha descritto gli effetti paragonandoli a una sbornia; Carrie, 45enne del Missouri, ha detto di aver sofferto di mal di testa, febbre e dolori in tutto il corpo dopo la prima dose e degli stessi sintomi ma più pesanti dopo la seconda. Entrambi, però, hanno dichiarato di essere felici per aver contribuito a questi test che poterebbero ora rivelarsi fondamentali per lottare contro la pandemia da coronavirus.

coronavirus capelli

L’azienda Pfizer, dal suo canto, ha confermato che il vaccino non ha fatato registrare effetti gravi nei pazienti volontari. Nel precedente studio, infatti, sono stati rilevati soltanto febbre e dolore nel sito dell’iniezione, ovvero effetti collaterali comuni per qualunque vaccino. In Italia, invece, il vaccino dovrebbe arrivare per tutti in primavera. La lotta con il Coronavirus continua e si combatte, oltre che negli ospedali, anche e soprattutto nei centri di ricerca. La cura, però, sembra essere molto più vicina di quanto si immagini.