Italia, scossa di terremoto: coinvolti anche i comuni vicini

Poco prima delle 19 di oggi 12 novembre, una scossa di terremoto di magnitudo 2.4 è stata registrata in Italia: coinvolti i comuni vicini.

Scossa terremoto Italia
Italia, registrata scossa di terremoto: coinvolti anche i comuni vicini (GettyImages)

Poco prima delle 19 di oggi, 12 novembre, una scossa di terremoto di magnitudo 2.4 ha scatenato il panico a Roccapiemonte, in provincia di Salerno. Come riportato dall‘Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è accaduto precisamente alle ore 18:49, a 2 Km di profondità. Anche in alcuni comuni del Napoletano e dell’Avellinese è stato avvertito il sisma che, per ora, sembra non aver causato danni a persone o cose. Castel San Giorgio, Nocera Superiore, Siano, Nocera Inferiore, Mercato San Severino, Pagani, Baronissi, Pellezzano, Bracigliano, Cava de’ Tirreni, San Valentino Torio, Sant’Egidio del Monte Albino, Sarno, Tramonti, San Marzano sul Sarno, Fisciano e Corbara: questi i comuni coinvolti nella scossa tellurica che ha fatto tremare la terra e le persone per il terrore.

Scossa di terremoto nel Salernitano, attimi di panico

Vista la leggera entità della scossa, non sono stati finora segnalati danni a persone o cose, eppure a Salerno è stata avvertita nettamente e molte sono state le segnalazioni sui social da parte dei cittadini. Proprio una settimana fa, la Campania è stata vittima di un altro fenomeno simile, un sisma di magnitudo 3.1, in provincia di Benevento, precisamente a un chilometro a nord ovest di Ceppaloni. Fortunatamente, neanche in quell’occasione sono stati registrati danni, ma l’episodio ha comprensibilmente scatenato la paura tra la popolazione che ha segnalato immediatamente l’accaduto sui social.

Scossa terremoto Italia
Italia, scossa di terremoto diffonde il panico: avvertita anche dai comuni vicini (Pixabay)

Appena 2 settimane fa, invece, è toccato alla Sicilia, colpita da una scossa di magnitudo 3.6, ad 82 km da Bagheria, provincia di Palermo. Episodi che, soprattutto in questo periodo, creano agitazione nella popolazione, già tesa e provata per tutto ciò che sta accadendo con la seconda ondata del Covid.

 

Segui anche il nostro canale Instagram –> clicca qui