Covid-19, splendida notizia: “Chi ha questo gruppo sanguigno è più protetto”

Arriva una splendida notizia sul Covid-19: “Chi ha questo gruppo sanguigno è più protetto”, ecco l’annuncio

covid gruppo sanguigno
Covid-19, c’è un gruppo sanguigno che resiste di più al virus: ecco quale (Fonte: Pixabay)

La seconda ondata di Coronavirus ha colpito il nostro paese. Il temibile virus, dopo una ‘tregua’ nei mesi estivi, è tornato alla carica in autunno. La seconda ondata sembra ancora più aggressiva della prima. I focolai sono sparsi per tutto il paese e le strutture sanitarie sembrano già al collasso. Il governo sta cercando di porre un freno all’ondata del virus. L’obiettivo è quello di evitare un nuovo lockdown. Una chiusura generale, come quella di marzo, causerebbe la crisi dell’economia italiana. Il paese è già fortemente al collasso.

Covid-19, splendida notizia sul gruppo sanguigno: l’annuncio

Non solo brutte notizie, ogni tanto sul fronte Covid-19 ne arrivano anche delle buone. Il vaccino studiato da Pfizer e BionTech sembra stia dando i risultati sperati. Le dosi potrebbero arrivare già verso la fine dell’anno, mentre in Italia si dovrà aspettare la primavera. Un’altra bellissima notizia è stata annunciata da Giorgio La Nasa, direttore del dipartimento Scienze mediche e Sanità pubblica dell’Università di Cagliari e della struttura complessa di Ematologia dell’Azienda Brotzu del capoluogo isolano. La Nasa ha dichiarato, in un’intervista rilasciata all’Unione Sarda, che ci sarebbe un gruppo sanguigno più ‘resistente’ al Coronavirus. “Ci sono già molti studi che indicano chiaramente un’influenza del gruppo sanguigno sulla risposta all’infezione da Coronavirus” – dice La Nasa al quotidiano – “Ci dicono che il gruppo zero sembra essere associato a un decorso migliore dell’infezione da coronavirus. Come se il gruppo zero fosse protettivo nei confronti dell’infezione”.

gruppo sanguigno covid
Il gruppo sanguigno 0 sarebbe più resistente al Coronavirus (Fonte: Pixabay)

Il gruppo sanguigno, però, non garantisce un’immunità dal Covid-19: “È verosimile che con questo gruppo sanguigno si sviluppi un’infezione meno aggressiva”. Discorso opposto, invece, per il gruppo A: “È un gruppo che invece sembra conferire una maggiore suscettibilità, ma abbiamo dati contrastanti”.