Coronavirus, Gerry Scotti torna a casa: il racconto da brividi sul ricovero

Coronavirus, Gerry Scotti torna a casa: il racconto da brividi sul ricovero in ospedale.

gerry scotti coronavirus
Coronavirus, Gerry Scotti torna a casa: il racconto da brividi sul ricovero in ospedale. (Fonte Mediaset Play)

Dopo 13 giorni di ricovero, Gerry Scotti è guarito dal Covid. Un periodo duro per il conduttore, che, ospite di Linus e Nicola Savino a Deejay chiama Italia, ha raccontato  i dettagli della malattia. “Non è stata una passeggiata”, dichiara il conduttore, che è rimasto in ospedale per 13 giorni, di cui gli ultimi tre di “svezzamento”: “Perché uno deve tornare a camminare , muoversi e respirare la vita normale”. In seguito, i dettagli del suo racconto.

Coronavirus, il racconto di Gerry scotti sul ricovero: “Avevo la cannula nel naso e il casco”

Gerry Scotti è guarito dal Covid. Ospite a Deejay chiama Italia, il conduttore ha manifestato il desiderio di tornare in onda per la finale di Tu si que vales, ma prima l’esito del tampone dovrà essere negativo. Nella sua prima intervista dopo le dimissioni, Gerry racconta i dettagli del suo ricovero. Giorni difficili per il conduttore, in particolare per 36 ore: “Sono stato fisicamente nell’anticamera della terapia intensiva. C’era una stanza e per non farmi spaventare troppo l’hanno data a me. Non ero né nella stanza normale, né nella terapia intensiva. C’era una porta di vetro e vedevo tutto quello che accadeva. Ci sono stato 36 ore e grazie a Dio mi è bastato”. 36 ore delicate, durante le quali Gerry ha avuto bisogno dell’ossigeno: “Quella è la cura basilare”. Il conduttore descrive i sintomi che si avvertono quando l’ossigeno non arriva agli organi e la saturazione inizia a scendere: “Avverti spossatezza, è come se avessi fatto una maratona senza averla corsa. Avevo la cannula nel naso e il casco, che non solo ti dà la dose di ossigeno ma ti aiuta a fare ginnastica con il polmone”.

(Fonte Instagram)

Al termine dell’intervista il conduttore ringrazia i medici del centro Covid dell’Humanitas, che lo hanno curato, e aggiunge: “Ho perso una decina di chili”. Non possiamo che mandare un abbraccio virtuale allo zio Gerry, con l’augurio di vederlo in tv per la finale di Tu si que vales.

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI