Coronavirus, l’infettivologo: “Ero già spaventato, ora lo sono di più”

La diffusione del Coronavirus è un’emergenza che sta impegnando il Governo e i cittadini, le parole dell’infettivologo: “Ero già spaventato, ora lo sono di più”.

 

Coronavirus infettivologo
Coronavirus, l’infettivologo: “Ero già spaventato, ora lo sono di più” (fonte getty)

A parlare è Elio Manzillo, infettivologo dell’ospedale Cotugno a Napoli: “Ero già spaventato, ora lo sono di più”. Secondo quanto riportato da Il Mattino, l’esperto sarebbe preoccupato per la diffusione del Coronavirus nella capitale campana. L’infettivologo ha spiegato di aspettarsi un aumento dei contagi da Coronavirus nella prossima settimana, a causa degli assembramenti che si sono verificati sul lungomare e nelle aree pedonali del Vomero. Elio Manzillo ha anche affermato: “Ai cittadini dico: è stato un grave errore e non fatelo più, dire che si fa l’ultimo pranzo al ristorante non ha senso, vuol dire che non si è capito il problema”. La preoccupazione, ovviamente, è anche per il sistema sanitario che deve fronteggiare l’epidemia.

Coronavirus, parla l’infettivologo del Cotugno

Elio Manzillo ha dato voce alle sue preoccupazioni secondo quanto riportato da Il Mattino. L’infettivologo ha spiegato che sebbene si parli di posti liberi per quanto riguarda gli ospedali campani: “le terapie richiedono un congruo numero di medici per seguirle”. Elio Manzillo ha precisato che lo stress sul sistema sanitario è altissimo e, sebbene la zona rossa dovrebbe migliorare la situazione, per i primi risultati occorrerà ancora tempo: ovvero i necessari “tempi fisiologici per vedere la curva abbassarsi”. Per quanto riguarda il possibile arrivo di un vaccino, l’infettivologo dice di avere “ottime sensazione” ma anche di non farsi illusioni sulla data. Per quanto riguarda la “copertura” ampia che coinvolga tutta la popolazione, secondo Elio Manzillo, sarà necessario attendere dopo l’estate 2021. Resta quindi fondamentale rispettare al meglio le misure restrittive per evitare la risalita della curva epidemiologica.

Coronavirus
Coronavirus, fondamentale rispettare le misure restrittive ed evitare la diffusione del contagio (fonte getty)

Un momento difficile che gli italiani stanno affrontando con grande spirito di sacrificio da ormai diversi mesi.

Seguite anche il nostro profilo Instagram: qui