Coronavirus Lombardia, Fontana: “L’RT è sceso, dobbiamo fare Natale con una certa libertà”

Coronavirus, Attilio Fontana è intervenuto ai microfoni di Mattino 5 questa mattina di 18 novembre: ecco le parole del Presidente della Regione Lombardia.

coronavirus lombardia fontana
Attilio Fontana è intervenuto ai microfoni di Mattino 5 oggi 18 novembre: ecco le parole del Presidente della Regione Lombardia in merito all’emergenza Coronavirus

Il Coronavirus non dà tregua: in attesa che arrivi un vaccino, il mondo intero si mette in guardia contro questo terribile virus. La testimonianza di Gerry Scotti questa mattina ha fatto tremare tutti: non bisogna sottovalutare il pericolo di questa malattia e bisogna rispettare tutte le regole necessarie per evitare il contagio. L’Italia risulta essere divisa in zone, in base al rischio Covid che circola nelle singole Regioni. La Lombardia è stata una delle prime ad essere collocata nell’area rossa del Paese: il Presidente della Regione, Attilio Fontata, è intervenuto nel corso di Mattino 5, questa mattina di 18 novembre, ed ha parlato della situazione attuale, dell’andamento della curva nella Regione da lui governata. Ecco le sue parole.

Coronavirus Lombardia, Fontana: “L’RT è sceso, dobbiamo fare Natale con una certa libertà”

A Mattino 5, questa mattina di 18 novembre, è stato ospite in collegamento Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia. “Ci sono parametri difficili da interpretare. Quello legato al tracciamento, è chiaro che quando ci si ritrova all’inizio di una pandemia, se si superano i numeri è impossibile. Non si deve guardare i dati passati, si deve fare una previsione sui dati che verranno. Stiamo seguendo una prospettiva di quello che succederà che per ora si sta avverando” sono le prime parole di Fontana.

Il Presidente della Lombardia ha poi aggiunto che la situazione è in fase di miglioramento. “Noi abbiamo già iniziato una fase di leggero e significativo miglioramento, l’RT è sceso. In base ai numeri rientreremmo in una zona più bassa, come l’arancione. Per una ragione di cautela, resteremo fino al 27 novembre in zona rossa. I sacrifici dei cittadini sono serviti perché la situazione sta migliorando. Dobbiamo fare Natale con una certa libertà”.