Coronavirus, la proposta sul vaccino: no all’obbligo, sì al patentino

Sul fronte vaccino anti-Coronavirus, il commissario Arcuri ha avanzato una proposta: no all’obbligo, sì al patentino, ma di cosa si tratta?

coronavirus vaccino obbligo proposta
Coronavirus, la proposta sul vaccino: no all’obbligo, ma… (Fonte: Pixabay)

La seconda ondata di Coronavirus ha colpito l’Italia. Il virus, dopo la ‘tregua’ estiva, è tornato alla carica in autunno. La seconda ondata sembra addirittura più grave della prima. I focolai sono sparsi in tutto il paese, anche se, dopo le ultime manovre del governo, pare che il contagio si stia appiattendo. L’obiettivo è quello di evitare un nuovo lockdown nazionale e soprattutto garantire un Natale sereno a milioni di famiglie italiane. Nel frattempo, sul fronte vaccino, inizia a muoversi qualcosa. Ci sono parecchi farmaci risultati efficaci, tra cui quello di Pfizer e Biontech, ma in Italia potrebbero approdare solo all’inizio di gennaio. Sarà obbligatorio per tutti? Al momento sembra di no, ma il commissario Arcuri ha avanzato una proposta ‘rivoluzionaria’.

Coronavirus, la proposta di Arcuri sul vaccino

Quasi sicuramente il vaccino anti-Coronavirus non sarà obbligatorio in Italia. Gli ultimi sondaggi mostrano che gli italiani sono restii alla somministrazione del farmaco. Il governo, dunque, sta studiando una via alternativa. La vaccinazione, al momento, è l’unica strada che porta alla fine della pandemia. Il commissario Arcuri ha confermato la ‘non obbligatorietà’ del farmaco, ma avrebbe avanzato una nuova proposta. L’ipotesi in corso è di creare una sorta di certificato speciale, o meglio patentino, per coloro che si vaccineranno. Un sorta di certificato di immunità da consegnare a tutti coloro che hanno effettuato la vaccinazione. Il Governo starebbe predisponendo una piattaforma informatica che consentirà di gestire la verifica della somministrazione del siero per sapere come si chiamano le persone che lo hanno ricevuto e dove, in modo da poter seguire la tracciabilità sul territorio.

arcuri vaccino
Il commissario Arcuri propone il patentino per il vaccino (Fonte: Screen YouTube)

Questa la proposta del commissario Arcuri sul vaccino contro il Coronavirus, ma, sia chiaro, di patentino non ha ancora parlato alcun governo. Si tratta di una strada ipotetica, ma che non sembra poi così lontana e soprattutto non percorribile. Il farmaco, prodotto da Pfizer e BionTech, dovrebbe arrivare in Italia nella seconda parte di gennaio. Saranno subito vaccinati 1,7 milioni di italiani e ogni vaccinato dovrà fare il ritorno dopo tre settimane. Poi sulla base delle previsioni non ancora validate dagli enti autorizzativi una parte importante della popolazione potrà essere vaccinata entro il primo semestre del prossimo anno o entro il terzo trimestre 2021. Dopo alcuni mesi si intravede finalmente la fine della pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero.