Coronavirus, quanto costa una dose del vaccino Moderna?

Sapete quanto costa una dose del vaccino Moderna contro il Coronavirus? Finalmente è stato svelato il prezzo

vaccino coronavirus quanto costa
Coronavirus, quanto costa il vaccino di Moderna? (Fonte: Pixabay)

Il Coronavirus continua a tenere in ginocchio il mondo. Centinaia di migliaia di morti, milioni e milioni di contagi, una pandemia che ha destabilizzato l’economia globale. L’unica speranza contro questo terribile virus è rappresentata dal vaccino. Diverse aziende farmaceutiche sono al lavoro per mettere a punto un farmaco totalmente efficace. Qualcuno sembra aver già dato una risposta positiva. Tra le aziende in prima linea figura anche Moderna. L’amministratore delegato della compagnia ha annunciato il prezzo di una singola dose.

Coronavirus, quanto costa singola dose vaccino

La Moderna è un’azienda statunitense di biotecnologie fondata nel 2010 con sede nel Massachusetts attiva nell’ambito della ricerca e lo sviluppo di farmaci basati sull’RNA messaggero (mRNA). Il 16 novembre 2020 l’azienda ha dichiarato di aver trovato un vaccino per far fronte alla Pandemia di Coronavirus efficiente al 94,5%, addirittura il 4,5% in più rispetto a quello di Pfizer-BionTech. La Welt am Sonntag ha intervistato Stephan Bancel, amministratore delegato della compagnia, che ha dichiarato: “Il vaccino anti-covid realizzato da Moderna costerà tra 25 e 37 dollari a dose. Il prezzo oscilla in base alla dimensione dell’ordine. È un prezzo equo se si considera il costo per il sistema sanitario quando qualcuno si ammala gravemente per il Covid-19. Non siamo interessati a massimizzare il profitto”.

vaccino covid
Il vaccino è l’unica arma contro il Covid-19 (Fonte: Pixabay)

L’amministratore delegato di Moderna ha dichiarato anche che con l’Unione Europea “non è ancora stato firmato niente, ma siamo sul punto di concludere con la Commissione. Vogliamo rifornire l’Europa e stiamo tenendo colloqui costruttivi”. Le prime dosi di vaccino anti-Coronavirus, dunque, potrebbero presto approdare in Europa. In Italia potrebbero essere disponibili a cavallo tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021. Per tutti, invece, arriveranno quasi sicuramente tra la primavera e il terzo trimestre dell’anno venturo. Il virus sembra avere i giorni contati.