Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena: accadrà a breve

Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena prima delle festività: accadrà a breve.

Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena: accadrà a breve
Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena: accadrà a breve

Negli ultimi giorni il Governo sta lavorando al fine di emanare un nuovo Dpcm, in vista delle festività Natalizie. La curva dei contagi sembra aver subito una stabilizzazione, secondo le parole di alcuni esperti. Anche se, il numero di vittime continua a crescere. Gli ospedali sono al collasso, con una forte mancanza di posti letto. Proprio per questo, in diversi nosocomi, sono state organizzate strutture esterne per far fronte all’emergenza. A quanto pare, un nuovo Dpcm potrebbe arrivare nei prossimi giorni, modificando le attuali restrizioni, ma con ulteriori misure. Cosa accadrà col nuovo Decreto.

Nuovo Dpcm Natale : accadrà nei prossimi giorni

Come abbiamo annunciato, nei prossimi giorni potrebbe essere enunciato un nuovo Dpcm che potrebbe modificare le attuali misure. A quanto pare, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, potrebbe anticipare il nuovo Decreto al 2 dicembre e non più il 3. Questo servirebbe per evitare il vuoto legislativo della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Sembrerebbe esserci un vero e proprio dietrofront per alcune ipotesi che negli ultimi giorni erano state avanzate. Nella giornata di ieri, venerdì 27 novembre, si è svolta la riunione del premier con i capi delegazione di maggioranza. Si è parlato di un blocco totale alla mobilità tra le Regioni, eccetto che per i residenti, che avranno la possibilità di tornare a casa, anche se al momento, non vi è data conferma. Inoltre, lo stop tra le Regioni gialle potrebbe essere erogato un altro giorno ancora da definire, e non il 4 novembre.

Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena: accadrà a breve
Dpcm Natale, clamoroso colpo di scena: accadrà a breve

Molti punti sembrerebbero essere gli stessi, senza modifiche, quali:

  • ristoranti chiusi dalle 18, con chiusura nelle zone arancioni a Natale e Santo Stefano;
  • negozi aperti fino alle 21, con ingressi contingentati;
  • spostamento tra regioni solo per i residenti della regione da raggiungere.

Per quanto riguarda la scuola, prevale la proposta della didattica in presenza verso gennaio per tutti. Non solo, il coprifuoco potrebbe rimanere in vigore, con la salda decisione di mantenerlo alle 22 nei giorni festivi. Come abbiamo anticipato nei giorni scorsi, sembrerebbe che le regole per il pranzo di Natale e il cenone siano le stesse, ossia la raccomandazione di un massimo di 6 o 8 persone a tavola. Al momento nulla è confermato e bisognerà aspettare le parole del premier Conte, che potrebbero confermare le misure appena dichiarate. Il Governo sta cercando in tutti i modi di evitare che la curva dei contagi possa risalire, provocando un ulteriore deficit del sistema sanitario.

Segui anche il nostro canale instagram per essere sempre aggiornato–>> clicca qui