Paolo Rossi, “Prima di andare in tv riceveva un’iniezione”: parla il fratello Rossano

Parla il fratello di Paolo Rossi, Rossano: nella sua testimonianza ha confermato la volontà di Pablito di dedicarsi alla sua passione fino alla fine, parlare di calcio in tv. Ecco le sue parole.

paolo rossi tv
Paolo Rossi prima di andare in tv riceveva iniezioni dal medico: ecco la testimonianza del fratello Rossano (fonte Youtube)

Si è spento nella notte del 10 dicembre Paolo Rossi. Il lutto ha scosso tutto il mondo del calcio, precedentemente colpito dalla scomparsa di Diego Armando Maradona. Paolo Rossi, meglio conosciuto come Pablito, è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo attaccante. E’ stato campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982: in quello stesso Mondiale è ricordato anche come capocannoniere. Sempre nell’82 ha vinto anche il Pallone d’oro. Uno dei protagonisti del calcio è passato a miglior vita ed ha lasciato un enorme vuoto non solo nel settore ma in tutto il mondo. Paolo Rossi lottava contro una terribile malattia: all’età di 64 si è spento nell’Ospedale Le Scotte di Siena. Ecco le parole del fratello riportate da Fanpage.

Paolo Rossi, “Prima di andare in tv riceveva un’iniezione”: parla il fratello Rossano

Rossano Rossi è stato vicino suo fratello Paolo, scomparso nella notte del 10 dicembre, fino all’ultimo istante. “L’ho visto l’ultima volta proprio ieri, non è riuscito più a riconoscermi, si stava ormai spegnendo piano piano. Ha lottato come un leone fino all’ultimo istante” sono le sue parole riportate da Fanpage. L’ex campione ha combattuto contro una terribile malattia, cercando di mantenere massimo riserbo e non divulgare il proprio stato di salute. “Ha messo tutto se stesso nell’affrontare le cure, fino all’ultimo. In pochi mesi ha subito tanti interventi, cure impattanti, con il tumore che si è manifestato ad un polmone e poi si è espanso colpendo anche le ossa” ha aggiunto Rossano.

Paolo ci teneva al suo lavoro e per questo motivo riceveva iniezioni dal medico per tenersi su per potersi dedicare alla sua passione, ha spiegato Rossano. “Accettava di ricevere una iniezione dal medico per tenersi su per la durata del suo intervento televisivo. Ci teneva“. Il fratello dell’ex campione ha raccontato che a Paolo piaceva essere presente quando poteva, dedicarsi al suo pubblico e ‘staccarsi’ per un po’ dal suo malessere. “Era debilitato ma resisteva. Non è stato il Covid a portarselo via, ma un tumore. Negli ultimi tempi si faticava a poterlo vedere, io stesso avevo accesso alla clinica solo dietro il nullaosta dei medici non appena lo ristabilivano” ha concluso.