Non è la Rai, vi ricordate Emanuela Panatta? Com’è diventata e cosa fa oggi

Era una delle ragazze più famose di Non è la Rai, ma com’è diventata Emanuela Panatta? Eccola oggi a 43 anni e qual è il suo lavoro.

Emanuela Panatta
Non è la Rai, vi ricordate Emanuela Panatta? Eccola oggi a 43 anni (Youtube)

Solare, sorridente e bravissima a ballare, Emanuela Panatta è stata uno dei volti più gettonati nell’esercito di ragazze che popolavano il Centro Palatino nei primi anni Novanta. Appassionatissima di danza, Emanuela era uno dei talenti più evidenti tra le cento ragazze del cast di Non è la Rai: la scatenata biondina romana studiava a Roma canto, danza e recitazione presso la scuola A.D.M. Mondial Dance. Il suo debutto avviene nel 1992 con Bulli e Pupe, programma condotto da Paolo Bonolis sempre con la regia di Gianni Boncompagni. Molto amica di Pamela Petrarolo, altra punta di diamante del programma Mediaset, nel 1994 decide di lasciare Non è la Rai per andare negli Stati Uniti per approfondire i suoi studi sulla danza. Nel suo curriculum troviamo diverse partecipazioni come ballerina a molte trasmissioni Rai, come Numero uno, con Pippo Baudo e il Paese delle meraviglie condotto da Pippo Franco. Scopriamo com’è diventata Emanuela oggi e se è molto cambiata sopo tutti questi anni.

Emanuela Panatta oggi, cosa fa l’ex ragazza di non è la Rai

Dopo aver frequentato corsi di teatro ed aver recitato in film e fiction, Emanuela è riuscita ad affermarsi come attrice, arrivando a lavorare anche in una commedia di Dario Fo e Franca Rame, ‘Coppia aperta, quasi spalancata’. Oggi Emanuela è direttrice di laboratori di teatro-fisico, dove viene dato risalto all’espressione corporale sul palcoscenico. Insegna anche movimento scenico e Gyrotonic e tiene seminari e masterclass in varie scuole in Italia e all’estero.

Emanuela Panatta
Non è la Rai, ricordate Emanuela Panatta? Com’è diventata e cosa fa oggi (Instagram)

Al suo attivo anche un libro, Civico 33 Musica Sensi e Sessi, di cui ha scritto anche la versione radiofonica, che raccoglie monologhi di 33 donne che vivono nello stesso condominio.

Segui anche la nostra pagina Instagram—->>>clicca qui