Coronavirus, imprevisto per il vaccino: scatta l’allarme in Italia

Imprevisto per il vaccino di Coronavirus, scatta l’allarme in Italia: di seguito vi riportiamo le parole di Giovanni Toti

coronavirus vaccino allarme
Coronavirus, imprevisto per il vaccino: scatta l’allarme in Italia, ecco cos’è successo (Fonte: Pixabay)

L’Europa si avvia verso la fine della pandemia. Ieri, in molti paesi dell’Unione europea, sono state somministrate le prime dosi di vaccino. Anche in Italia sono stati vaccinati i primi operatori sanitari. Il vaccino rappresenta l’unica speranza per porre fine alla diffusione del virus. In Italia si conta di vaccinare la maggior parte della popolazione entro l’estate. Dopo gli operatori sanitari saranno vaccinati gli anziani, le persone con patologie e così via in maniera discendente a seconda dell’età. Si intravede la luce in fondo al tunnel per il nostro paese.

Coronavirus, imprevisto per il vaccino: l’allarme

Dopo il V-Day, c’è stato il primo imprevisto per il vaccino in Italia. Il maltempo e soprattutto la neve hanno rallentato la consegna dei vaccini. L’allarme è stato lanciato dal Governatore ligure Giovanni Toti nel punto stampa sull’emergenza coronavirus: “L’ondata di neve sull’Europa rallenta di un giorno la consegna dei vaccini anti covid Pfizer in Liguria”. Lo slittamento, oltre alla Liguria, riguarda anche altre regioni, come ad esempio il Piemonte. La casa farmaceutica dovrebbe informare domani le altre strutture preposte su eventuali ritardi con eventuali slittamenti anche di un giorno.

A partire da domani, come confermato dal Commissario Arcuri, in Italia arriveranno le prime 469.950 dosi del vaccino Pfizer, previste per l’Italia dal contratto sottoscritto dall’Unione Europea in questa settimana.
L’Italia si avvia ad uscire da un incubo lungo circa un anno. Tante vittime, danni incalcolabili all’economia del paese, tanta tristezza e sofferenza. Sarà un anno di rinascita per l’Italia e tale rinascita parte proprio dal farmaco somministrato dalle aziende farmaceutiche Pzifer e BioNtech. Il Covid-19 presto sarà solo un cattivo ricordo.