Coronavirus, ora è ufficiale: il nuovo decreto-legge valido fino al 15 gennaio 2021

E’ stato firmato il nuovo decreto legge per il periodo dal 7 al 15 gennaio. Ecco cosa si potrà fare e cosa no nei prossimi giorni.

decreto legge
Ecco il testo del nuovo decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri e firmato da Mattarella

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, fa sapere l’ANSA, ha firmato in serata il decreto legge con le nuove misure anti Covid approvate dal Consiglio dei Ministri di lunedì notte. Quest’ultimo si è riunito lunedì 4 gennaio 2021, alle 21.55, a Palazzo Chigi. Sul portale online del Governo si leggono le nuove disposizioni volte a contenere e limitare la diffusione del Covid-19. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della Salute Roberto Speranza, ha approvato il decreto legge per il periodo compreso tra il 7 ed il 15 gennaio 2021. Ecco il testo contenente le ulteriori disposizioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza da Coronavirus presente sul sito del Governo Italiano.

Coronavirus, ora è ufficiale: il nuovo decreto-legge valido fino al 15 gennaio 2021

E’ stato approvato e firmato da Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, il nuovo decreto legge post festività Natalizie. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Premier Conte e del Ministro della Salute Speranza, ha approvato nuove disposizioni anti Coronavirus.

Sul sito del Governo si legge che per il periodo compreso tra il 7 ed il 15 gennaio 2021 c’è il divieto su tutto il territorio nazionale di spostarsi tra Regioni o province autonome diverse. Sarà consentito muoversi solo per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute. E’ comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio. Si legge ancora che nei giorni 9 e 10 gennaio tutta Italia sarà zona arancione. Saranno comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5mila abitanti, entro 30 km dai relativi confini. Il testo del decreto legge prevede inoltre che dal 7 al 15 gennaio nelle ‘zone rosse’ del territorio nazionale ci si potrà spostare una volta al giorno in un massimo di 2 persone verso un’abitazione privata del proprio comune.

Riguardo il vaccino, si legge: “Per l’attuazione del piano di somministrazione del vaccino contro il contagio da COVID-19 sono previste specifiche procedure per l’espressione del consenso alla somministrazione del trattamento, per gli ospiti di residenze sanitarie assistite (o altre strutture analoghe), che siano privi di tutore, curatore o amministratore di sostegno“.