Riccardo Cioni morto a 66 anni: era risultato positivo al Coronavirus

È morto il dj toscano Riccardo Cioni, era risultato positivo al Coronavirus: aveva 66 anni ed è stato l’autore di “In America”

riccardo cioni morto
Morto Riccardo Cioni: lo storico dj aveva 66 anni (Fonte: Facebook)

Si è spento all’età di 66 anni il deejay toscano Riccardo Cioni. L’uomo era risultato positivo al Covid-19, il temibile virus che da inizio 2020 ha messo in pericolo l’intero mondo. Il dj, come riporta il quotidiano Il Tirreno, era risultato positivo al virus un paio di settimane fa ed era stato ricoverato in ospedale. L’uomo è stato dimesso pochi giorni dopo, ma pare che le sue condizioni siano gravemente peggiorate nei giorni successivi. Le cause del decesso non sono da ricondurre al temibile virus. Se ne va un pezzo di storia della musica dance italiana.

Morto Riccardo Cioni, famoso dj toscano

È morto all’età di 66 anni Riccardo Cioni, storico dj toscano. L’uomo aveva contratto il Coronavirus un paio di settimane fa, come aveva egli stesso annunciato su Facebook. Cioni, sul popolare social network, aveva scritto: “Volevo esprimere i miei più sentiti ringraziamenti ai medici, infermieri e volontari del 2° Padiglione dell’Ospedale di Livorno per l’impegno, la professionalità, la dedizione e la cortesia dimostrata in questi giorni. Con la promessa che, quando l’emergenza Covid sarà alle spalle, organizzerò un evento per ringraziarvi personalmente. Buon Natale e l’Augurio di Felice Anno nuovo”. Cioni purtroppo non riuscirà a mantenere fede alla promessa. Dopo essere stato dimesso dall’ospedale, le sue condizioni pare si siano gravemente aggravate. Il deejay è stato operato d’urgenza, ma non ce l’ha fatta.

Volevo esprimere i miei più sentiti ringraziamenti ai medici, infermieri e volontari del 2° Padiglione dell’Ospedale di…

Pubblicato da Riccardo Cioni su Venerdì 25 dicembre 2020

Chi era

Riccardo Cioni nasce a Livorno il 14 ottobre 1954. All’inizio della sua carriera lavora in alcune emittenti livornesi. In breve tempo diventa uno dei deejay più famosi in Italia e addirittura negli anni ’80 è stato il dj più pagato del nostro paese. Famosissime alcune sue incisioni discografiche come “In America”. È stato direttore artistico di Radio Quattro ed ha partecipato in seguito a diversi programmi televisivi, quali Domenica in, Un disco per l’estate, Pronto Raffaella, Festivalbar, Discoring, Discoteca Festival. Ha inciso varii dischi: Smoke the funk, Funk funk, In America, Cho-cho train, Darkness inside, Arizona e “Camminando da solo”. Cioni, con la sua ultra trentennale carriera, è un autentico pioniere della dance music.