Marco D’Amore, conoscete suo nonno? Anche lui è stato un famoso attore

Conoscete il nonno di Marco D’Amore? Anche lui è stato un attore famoso: di seguito vi diciamo di chi si tratta

marco d'amore nonno
Conoscete chi è il nonno di Marco d’Amore? (Fonte: Instagram)

Marco D’Amore è un attore e regista nato a Caserta il 12 giugno del 1981. È divenuto famoso grazie all’interpretazione di Ciro Di Marzio nella serie televisiva Gomorra. La sua carriera è iniziata nel 2000, quando entra nella compagnia di Toni Servillo, con il quale collaborerà a lungo. Una delle pellicole di maggior successo accanto a Servillo è sicuramente Una vita tranquilla. Dopo il successo con Gomorra – La serie, è nel cast del film Perez con Luca Zingaretti. Nel 2019 debutta come regista dirigendo il quinto e il sesto episodio della quarta stagione di Gomorra. Nello stesso anno debutta come regista al cinema nel film L’Immortale, ritenuto a tutti gli effetti uno spin-off della serie televisiva. Per questo film, D’Amore ottiene in seguito la candidatura alle edizioni 2020 dei David di Donatello e dei Nastri d’argento, in entrambi i casi nella categoria riservata al miglior regista esordiente, riuscendo ad aggiudicarsi la vittoria ai Nastri d’argento.

Conoscete il nonno di Marco D’Amore?

D’Amore è sicuramente uno dei migliori attori e registi esordienti del panorama artistico italiano e internazionale. La passione per il cinema e la recitazione gli è stata trasmessa dal nonno, anche lui famoso attore. D’Amore, infatti, è nato da una famiglia di origini napoletane e il nonno era Ciro Capezzone, noto attore napoletano che ha recitato con Nino Taranto, Nanni Loy e Francesco Rosi. In un’intervista rilasciata a Vanity Fair, D’Amore ha raccontato: “Mio nonno creava sofferenza e insofferenza. In famiglia essere attori equivaleva a una patente di inaffidabilità. Ogni tanto partiva e si eclissava per riapparire settimane dopo, dicendo: ‘Sono stato in Calabria, ho recitato davanti a 10 sconosciuti, ho un video, ve lo mostro?’. Era considerato un caso irrecuperabile”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marco D’Amore (@damoremarco)

Inizialmente, dunque, Marco D’Amore avrebbe voluto percorrere una strada diversa: “Volevo diventare musicista. Suonavo il flauto e il clarinetto, sognavo di cantare in un’orchestra. A recitare proprio non ci pensavo”. La madre, invece, voleva che diventasse medico o insegnate e così si iscrisse alla Facoltà di Filosofia, ma “la scintilla della recitazione ormai si era accesa”. Ad oggi, D’Amore è uno dei migliori attori sulla scena italiana ed anche un bravissimo regista. Gli episodi diretti da lui nella quarta stagione di Gomorra sono risultati i migliori e il film L’Immortale ha riscosso un successo straordinario.