Domenica In, vaccini anti Covid: il punto della situazione, parla il virologo Pregliasco

Ospite a Domenica In, il virologo Fabrizio Pregliasco fa il punto sulla situazione vaccini: quando saranno disponibili e come comportarsi.

vaccini
Domenica In, vaccini anti Covid: il punto della situazione, le dichiarazioni del virologo Pregliasco (Rai Play)

La luce in fondo al tunnel sembra intravedersi: lo dichiara il professor Fabrizio Pregliasco durante il suo intervento a Domenica In. Nonostante ciò, è necessario non abbassare la guardia: ogni contatto interpersonale può essere causa di contagio e attenersi alle regole resta sempre la prima misura da adottare. I vaccini anti Covid non sono più un miraggio e secondo le previsioni, in breve tempo saranno disponibili. Sono arrivate ieri, 6 febbraio, le prime 249600 dosi dell’atteso vaccino AstraZeneca e saranno distribuite nei prossimi giorni nei centri di somministrazione delle singole region italiane. Già da martedì 9 febbraio partirà la campagna di vaccinazione per gli under 55. In attesa dell’approvazione di altri tipi di vaccini, come il russo Sputnik, l’obiettivo è quello di assicurare il vaccino almeno per 7 milioni di italiani. Ma sarà possibile? Il virologo fa chiarezza in merito.

Segui anche la nostra pagina Instagram—>>>clicca qui

Fabrizio Pregliasco sui vaccini: “Necessario uno sforzo corale”

Come ha fatto notare in diretta Mara Venier, non sarà semplicissimo realizzare l’obiettivo di 7 milioni di vaccinati in Italia entro marzo. Pregliasco auspica ad uno sforzo collettivo da parte di esercito, sistema sanitario nazionale, protezione civile, volontariato: sarà fondamentale avere a disposizione le dosi e non perdersi in polemiche. “I vaccini attuali sono sicuri e sostanzialmente efficaci”, ha affermato il virologo. Attualmente i vaccini sono tre: Pfizer, Moderna e AstraZeneca. In pochi mesi si è riusciti ad avere a disposizione più di un vaccino, mentre per altre patologie ancora non ce l’abbiamo fatta. La richiesta è esorbitante e noi stessi ci lamentiamo spesso sul confronto con il resto d’Europa, ma dobbiamo considerare anche l’importanza di riuscire a far vaccinare ogni Stato nel mondo. E’ un problema etico ma è anche un problema legato alla possibilità che varianti nuove si inseriscano se lasciamo che il virus corra nelle nazioni più povere che hanno maggiori difficoltà ad avere la vaccinazione. E’ per questo che è necessario uno sforzo da parte di tutti, anche del singolo cittadino.

vaccini
Domenica In, vaccini anti Covid: il punto della situazione, parla il professor Pregliasco (Rai Play)

Riguardo ai colleghi che hanno rifiutato di vaccinarsi, Pregliasco ha definito ‘inaccettabile’ questa scelta.