Il trapper Wok in gravi condizioni: sarebbe ricoverato in coma farmacologico

Il trapper Wok sarebbe in gravi condizioni, come riportano alcuni siti sarebbe in coma farmacologico: ecco le ultime

wok condizioni
Il trapper Wok ricoverato in gravi condizioni (Fonte: Instagram)

Secondo quanto riportato da alcuni siti e testate giornalistiche, tra cui Fanpage, il trapper Wok, del duo Ski e Wok, sarebbe ricoverato in gravi condizioni. La notizia è iniziata a circolare sui social da qualche ora ed è stata poi confermata da fonti autorevoli. Non sappiamo al momento se sia in pericolo di vita o meno, ma, sempre da quanto si apprende da altre fonti, sarebbe ricoverato in coma farmacologico. La notizia ovviamente ha mandato nello sconforto i fan del trapper. Il cantante ha ricevuto numerosi messaggi di sostegno e affetto.

Il trapper Wok ricoverato in gravi condizioni

Brutte notizie per il mondo della musica e della scena trap: Wok, del duo Ski e Wok, sarebbe ricoverato in coma farmacologico. La notizia circola sui social da ieri e solo adesso è stata confermata da fonti autorevoli. Sulla pagina social del duo trapper, il socio ha scritto: “Ti aspettiamo più forte di prima. Senza di te smetto di fare musica. Non ha più senso niente” – ed ha poi aggiunto – “Ne parlerà lui“. Il trapper si è poi scagliato contro quelli che li accusano di usare questa faccenda per alzare l’hype: “State zitti“. Il cantante non ha però chiarito le reali condizioni del suo amico e collega. Da quanto dichiarato nelle stories di Instagram pare sia confermato il ricovero.

Chi è Wok

Wok è un trapper della scena romana classe ’99. Ha quasi sempre collaborato con il suo amico e collega Ski. Gli ultimi brani hanno dato loro visibilità, tanto da essere notati dal trapper Gallagher. Insieme hanno pubblicato il brano Suwoo, superando un milione di visualizzazioni su YouTube. Nel 2020 hanno anche prodotto brani come Ronaldihno, Poppin Poppin e Ma Fareshi, prodotto da Sick Luke. Il duo trapper, insieme a Gallagher, nell’aprile del 2020 è stato aggredito da Alex Refice (in arte Sayanbull), Manuel Parrini, Llunga Omar Nguale e Tiziano Barilotti, gruppo di trapper ‘rivali’ che ha fatto irruzione negli studi dove stavano registrando per aggredirli.