Anna Tatangelo, sua sorella è incantevole: non tutti la conoscono

Conoscete la sorella di Anna Tatangelo? È incantevole, ma non tutti la conoscono: ecco chi è e cosa fa nella vita

anna tatangelo sorella
Anna Tatangelo, conoscete sua sorella Silvia? È affascinante come la cantante (Fonte: Instagram)

Anna Tatangelo è una delle cantanti più amate del panorama musicale italiano. La sua carriera è iniziata molto presto, a quindici anni, quando ha vinto Il Festival di Sanremo nella categoria Giovani. Il successo, però, è arrivato accanto a Gigi D’Alessio, divenuto poi suo compagno. La donna è stata legata con il cantautore dal 2005 al 2020 e con lui ha avuto un figlio. Per lei, D’Alessio scrisse il brano “Ragazza di periferia“, che si classificò al terzo posto nella Categoria Donne al Festival di Sanremo. Il 3 marzo 2020, però, la coppia ha annunciato sui social la fine della loro relazione.

Anna Tatangelo, chi è sua sorella

La Tatangelo è nata a Sora, in provincia di Frosinone. Il padre si chiama Dante e la mamma Palmira. I due hanno dato alla luce quattro figli: Silvia, Maurizio, Giuseppe e appunto Anna. I due fratelli, Maurizio e Giuseppe, lavorano nella ciambelleria di papà Dante, dove anche Anna ha lavorato per qualche anno. I due compaiono spesso nelle stories della cantante.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da silvytat79 (@silvia_tatangelo)

In pochi, invece, conoscono la sorella Silvia. La donna è abbastanza diversa dalla sorella cantante: ha infatti carnagione, capelli e occhi chiari, ovvero l’opposto rispetto alla sorella. Silvia, però, è bella quanto la sorella. Silvia si è sposata nel 2015 e la testimone di nozze è stata proprio la cantante. Ha inoltre due bambini, che compaiono spesso nelle stories della Tatangelo. Silvia preferisce tenersi lontano dal mondo dei riflettori e per questo anche sui social è molto discreta. Non mancano, però, dediche e messaggi sdolcinati per Anna. Le due sono molto legate, un po’ come tutta la famiglia Tatangelo. Di Silvia, Anna ha raccontato: “I miei genitori volevano che a 28 anni rientrasse a mezzanotte e mezza“.