Amici 20, Aka7even: “La mia solitudine”, il racconto toccante

La rivelazione di Aka7even che ad Amici ha parlato del periodo buio vissuto in passato: le parole del cantante lasciano tutti di stucco.

Amici Aka7even
Amici 20, Aka7even si confessa: “La mia solitudine”, il racconto toccante (Instagram)

E’ senza dubbio uno dei protagonisti più discussi di questa edizione di Amici: Aka7even e la ballerina Martina Miliddi hanno vissuto una storia abbastanza turbolenta, piena di alti e bassi in cui il giovane cantante ha avuto spesso reazioni forti. Con le sue lacrime e con i suoi gesti impetuosi, l’allievo del talent si è guadagnato spesso le critiche degli utenti del web, ma il suo carattere troverebbe spiegazione in un periodo molto difficile vissuto anni fa. Ora che il programma è arrivato su Prime Video c’è stato modo di raccontare le storie di tutti i ragazzi che, radunati attorno a Maria De Filippi, hanno letto le lettere che la conduttrice a proposto loro di scrivere in un diario. Ciascuna storia ha colpito per le emozioni narrate ed ha aiutato la classe e il pubblico a comprendere meglio i caratteri di ogni componente della classe. Aka7even è stato protagonista di un racconto davvero molto toccante. Vediamo di cosa si tratta.

Segui anche la nostra pagina Instagram—>>clicca qui

Aka7even, ad Amici il racconto sul periodo più buio

Il cantante ha spiegato il perché di certi suoi comportamenti raccontando il dramma vissuto in passato. Leggendo la propria lettera, Aka7even ha detto di essere sempre alla ricerca di un punto di riferimento e che quando ha creduto di trovarlo in qualcuno, puntualmente lo ha sempre perso ritrovandosi solo. “Tutto è partito quel giorno in cui ho avuto quella maledetta encefalite che mi ha portato ad avere crisi epilettiche. Ho vissuto insieme alla mia famiglia un periodo d’inferno. Una settimana sul letto di ospedale con un’altissima possibilità che non mi svegliassi. O con la possibilità di alzarmi con un handicap grave. Ma fuori mi aspettava una bolgia. Dopo il coma è stato terribile. Il mio giorno di scuola tutti i miei amici mi deviavano, pensavano che potessi infettare. Da lì è partita la mia solitudine”, ha detto. Questa sensazione di essere solo ha fatto sì che anche un suo caro amico lo abbandonasse perché impopolare. “Io oggi ho una sola paura, di rimanere solo nella mia vita. Ci ho messo cinque anni per riprendere il contatto con le persone. Ecco spiegati i miei comportamenti, le mie fragilità, i miei pianti continui. Quando trovo una persona che mi accetta per quel che sono e riesce a farmi stare così bene fino al punto di amarla, ho paura di perderla”, ha aggiunto.

Amici Aka7even
Amici 20, Aka7even: “La mia solitudine”, il commovente racconto (Instagram)

Parole che hanno fatto commuovere soprattutto Samuele e Tancredi, commossi per quanto vissuto dall’amico.