Valeria Fabrizi, scuse sui social: “Sono addolorata”, cos’è successo

L’attrice Valeria Fabrizi si scusa sui social: “Sono addolorata”, di seguito vi raccontiamo cos’è successo

valeria fabrizi social
Valeria Fabrizi, scuse sui social: cos’è successo (Fonte: Instagram)

Poche ore fa, l’attrice Valeria Fabrizi ha pubblicato un lungo post su Instagram in cui si scusa con il pubblico: “Sono molto addolorata“. Cosa ha fatto la famosissima attrice per arrivare addirittura a scusarsi sui social? Di seguito vi raccontiamo cos’è successo.

Valeria Fabrizi, le scuse sui social

Valeria Fabrizi è una delle attrici più famose del panorama artistico italiano. Nel corso della sua carriera ha recitato in moltissimi film famosi e serie televisive di successo. Ha esordito nel mondo dello spettacolo con i fotoromanzi e il suo debutto al cinema è avvenuto addirittura nel 1954. Ha lavorato con artisti del calibro di Erminio Macario, con Garinei e Giovannini e soprattutto con Tata Giacobetti, divenuto poi suo marito. La Fabrizi si è sempre distinta per la sua eleganza e il suo charme. Nell’intervista rilasciata nel programma “Da noi… a ruota libera” di Francesca Fialdini, l’attrice è stata però protagonista – suo malgrado – di uno scivolone. La Fabrizi ha pronunciato – non in modo offensivo – la parola “n**ra”. L’espressione però ha infastidito il pubblico e l’attrice è stata costretta a scusarsi sui social.

Poche ore fa, la Fabrizi ha pubblicato un lungo post su Instagram, in cui dichiara: “Sono molto addolorata. Il colore della pelle per me è indifferente e chi mi conosce sa che scelgo le persone per il loro cuore. È stato uno scivolone involontario che non fa parte della mia anima. Un’espressione infelice che non si deve ripetere. Mi scuso con tutti. Vi abbraccio sempre con affetto”. I telespettatori di Rai Uno e l’intera platea del piccolo schermo perdonerà sicuramente l’attrice. Nella sua carriera ha sempre mostrato bon ton e non sarà di certo uno “scivolone involontario” – come da lei descritto – a farle perdere la reputazione.