Denise Pipitone, il legale di Piera Maggio fa chiarezza: “Nessuna anticipazione”

Il legale di Piera Maggio fa chiarezza sul caso della scomparsa di Denise Pipitone e su Olesya Rostova: di seguito vi riportiamo le sue parole

denise pipitone legale
Denise Pipitone, il legale di Piera Maggio fa chiarezza sulle sue dichiarazioni (Fonte: Screen dalla pagina Instagram di Chi l’ha visto?)

Dopo circa diciassette anni è stato riaperto il caso legato alla scomparsa di Denise Pipitone. La bambina è sparita il 1° settembre 2004 da Mazzara del Vallo, in provincia di Trapani. Denise stava giocando nei pressi dell’abitazione della nonna materna, quando non è stata più vista. Nell’ottobre dello stesso anno, fu avvistata a Milano in compagnia di alcune persone rom in strada davanti ad un istituto bancario. Una guardia giurata riuscì a trattenere per poco il gruppo e a filmare la bambina. Nel filmato la bambina viene chiamata Danas e la si sente chiedere ad una donna “Dove mi porti?“. Dopo diciassette anni, il 31 marzo 2021 un’infermiera russa residente in Val Seriana segnala a Chi l’ha visto? di aver notato una forte somiglianza tra la piccola Denise ed una ragazza ventenne russa partecipante in una trasmissione televisiva russa in cerca della madre. La cittadina russa si chiama Olesya Rostova ed ha ricevuto il nome in orfanotrofio. 

Denise Pipitone, il legale di Piera Maggio fa chiarezza

La somiglianza tra Olesya Rostova, cittadina russa alla ricerca della propria famiglia, e la piccola Denise Pipitone aveva fatto sperare tutti gli italiani e soprattutto Piera Maggio. La mamma della piccola Denise non ha mai perso le speranze e ancora oggi pensa che la figlia sia viva. I risultati del test del DNA sarebbero dovuti arrivare intorno alle 19, comunicati in diretta dalla televisione russa, ma la notizia è stata anticipata dai colleghi di Fanpage.


In merito a questa ‘anticipazione’, il legale di Piera Maggio ha voluto fare chiarezza all’Ansa, dichiarando: “Leggo sui social ricostruzioni fantasiose e mie presunte dichiarazioni. Ribadisco di essermi limitato a trasmettere alla Procura di Marsala l’esito della documentazione scientifica che mi è stata inviata ieri e di non avere fatto alcun anticipazione circa l’esito degli esami sulla ragazza che sarà reso noto nel corso della trasmissione di stasera sulla tv russa”.