Katia Follesa, “Ha capito che ero io la donna della sua vita”: la rivelazione su Angelo Pisani

Katia Follesa e Angelo Pisani si sono innamorati sul palco di Zelig ma la loro storia ha avuto un inizio travagliato: ecco com’è andata.

Katia Follesa Angelo
Katia Follesa, “Ha capito che ero io la donna della sua vita”: il retroscena sull’amore con Angelo Pisani (Instagram)

Katia Follesa e Angelo Pisani sono una delle coppie più unite del mondo dello spettacolo. L’amatissima attrice comica è stata proprio nelle ultime settimane molto apprezzata nel corso della sua partecipazione a Lol – Chi ride è fuori, il comedy show di Amazon Prime Video, dove è arrivata in finale con Ciro Priello. Con Angelo si conobbero lavorando entrambi a Zelig e nel 2010 hanno avuto anche una figlia, Agata. Il loro legame però ha faticato a sbocciare all’inizio, come ha raccontato lei stessa in un’intervista rilasciata a “Intimità”.

Segui anche la nostra pagina Instagram—>>clicca qui

Katia Follesa, “Meglio tardi che mai”: la verità sul legame con Angelo Pisani

Tutto sarebbe nato da un autografo, racconta Katia, che confessa: “L’ho seguito molto, ma lui non voleva saperne. O, meglio, tra noi ci sono state pause, allontanamenti, ripartenze in quarta”. Un rapporto altalenante e certamente non facile, che ha portato non poche sofferenze all’attrice. “A un certo punto mi è venuto in mente di cambiare casa, numero di telefono, tutto, per evitare che tornasse a cercarmi per poi lasciarmi”, ha dichiarato al settimanale. La finalista di LOL ha spiegato questo atteggiamento iniziale di Pisani col fatto che all’epoca lui era agli albori della sua carriera ed era quindi concentrato molto su quell’ambito. Fino a quando, racconta, si è deciso a tornare per restare finalmente. “Ha compreso che ero io la donna della sua vita. Meglio tardi che mai”.

Katia Follesa Angelo
Katia Follesa, “Ha capito che ero io la donna della sua vita”: la verità sul rapporto con Angelo Pisani (Instagram)
Oggi i due sono una delle coppie più felici dello spettacolo e tanti sono gli scatti social che lo testimoniano.