Coronavirus | riaperture per palestre, piscine e ristoranti: tutte le regole

Sul fronte coronavirus, al vaglio le riaperture di palestre, piscine e ristoranti: tutte le regole contenute nella bozza delle Proposte

coronavirus riaperture
Coronavirus, al vaglio le riaperture di piscine, palestre e ristoranti: tutte le regole (Fonte: Pixabay)

L’Italia sta affrontando la terza ondata del coronavirus. I contagi sembrano stabilizzarsi, ma il numero resta ancora elevato. Molte strutture sanitarie sono al collasso e le terapie intensive sono quasi piene. Il governo deve cercare di evitare il crollo, ma allo stesso tempo deve placare la crisi economica che imperversa nel paese. Proprio per questo motivo, sono al vaglio le riaperture di palestre, piscine e ristoranti anche nelle zone ad alto rischio epidemiologico. La bozza delle Proposte sarà portata quest’oggi dalle regioni nell’incontro con il governo.

Coronavirus, pronte le riaperture per palestre, piscine e ristoranti: le regole

Oggi ci sarà l’incontro tra regioni e governo. Sarà presentata la bozza delle Proposte per la riapertura. Si tratta di un testo di sei pagine diviso in tre capitoli: RistorazionePalestre e piscineCinema e spettacoli dal vivo. I governatori, guidati dal neo-presidente leghista della Conferenza, Massimiliano Fedriga, vogliono alzare al più presto le saracinesche, anche a costo di rispettare regole ancora più stringenti di quelle adottate sin adesso. Si valuta la riapertura di ristoranti, sia a pranzo che a cena, bar, pizzerie, trattorie, pub, pasticcerie, gelaterie e rosticcerie, oltre a piscine, palestre, cinema e teatro.

piscina riapertura coronavirus
Pronta anche la riapertura delle piscine (Fonte: Pixabay)

Per consentirne la riapertura anche nelle regioni rosse, le regioni propongono di integrare le misure attuali “con strategie di screening/testing”: misurazione della temperatura all’ingresso, divieto di assembramento davanti ai locali e ingresso su servizio prenotazione, anche se non obbligatorio. Resta ovviamente l’obbligo di mascherina e il distanziamento. Al vaglio anche la riapertura di palestre e piscine con ingressi contingentati. Nelle piscine, prima di entrare in vasca è obbligatoria la doccia saponata, oltre che l’uso della cuffia, è vietato sputare, soffiarsi il naso e urinare in acqua. Si valuta anche la riapertura di cinema e teatri con il distanziamento di un metro e l’obbligo di mascherina.