Luca Ward, tenero scatto del passato: “Sono io”, i fan sono rimasti incantati

Spunta una tenera foto del passato di Luca Ward: il doppiatore non l’aveva mai mostrata prima. Voi l’avreste riconosciuto?

luca ward passato
Tenerissimo scatto del passato di Luca Ward: la foto è inedita, spunta fuori solo ora

Classe ’60, Luca Ward è una delle voci più amate del cinema e della televisione italiana. Nel doppiaggio è conosciuto per aver prestato la voce ad attori di fama mondiale come Russel Crowe ne Il Gladiatore, Samuel L Jackson in Pulp Fiction, Keanu Reeves in Matrix. Luca Ward è anche attore: ha recitato in Cento Vetrine nei panni di Massimo Forti e nella serie televisiva Elisa di Rivombrosa, in Un amore di strega, in Un posto al sole. Ha partecipato anche a diversi reality e talent come L’isola dei Famosi e Tale e quale show. Il noto personaggio televisivo è amato e seguito in Italia, in tv, in radio, nel grande schermo ed anche sui social! Nelle ultime ore ha pubblicato un post tenerissimo!

Segui anche il nostro canale ufficiale Instagram per essere sempre aggiornato–>> CLICCA QUI

Luca Ward, tenero scatto del passato: “Sono io”, i fan sono rimasti incantati

E’ spuntata nelle ultime ore una foto inedita del famosissimo doppiatore ed attore. Luca Ward sul suo profilo Facebook ha deciso di mostrare a tutti uno scatto del passato: “So io. Svegliarsi con la spensieratezza di un bimbo… Ci manca. Il maglione no, è ancora attuale” sono le parole che scrive il doppiatore.

Leggi anche Luca Ward, chi è la moglie Giada Desideri: età e carriera dell’attrice

Siete curiosi di vederlo da bambino? La foto è davvero tenerissima:

Dal profilo Facebook di Luca Ward

Luca Ward è nato da papà Aleardo, attore e doppiatore, e mamma Maria Teresa Di Carlo, attrice di cabaret divenuta nota con il nome Maresa Ward. Il signor Aleardo Ward, padre del doppiatore romano, è morto a causa di un’aneurisma nel 1973, dopo esser stato per più di due mesi in coma. Aveva 58 anni.

A 13 anni Luca ha dovuto fare i conti con un dolore immenso: è diventato ‘capo famiglia’ in seguito la morte del suo papà. “E’ stata una mancanza incredibile, difficile da superare. Chiamò mia madre e le chiese degli spicci. Mi fece cenno di avvicinarmi, mi mise i soldi in mano e mi disse ‘Adesso ci devi pensare tu'” sono state le parole del doppiatore a Verissimo durante un’intervista.