Al Bano, visita a sorpresa all’Ospedale Covid: “È la terza guerra mondiale”

In questo momento così drammatico per tutti, Al Bano visita l’Ospedale Covid nella Fiera del Levante di Bari: le sue parole.

Al Bano Covid
Al Bano, visita a sorpresa all’Ospedale Covid di Bari: “È la terza guerra mondiale” (Instagram)

Momento di estrema difficoltà dal punto di vista sanitario ed economico quello attuale: se da una parte i vaccini anti Covid danno una speranza nonostante i dubbi che ancora pervadono tutti, i contagi continuano a preoccupare e le notizie sui decessi inquietano non poco. Tante le domande su quando sarà possibile venirne fuori definitivamente e ancora incerte le risposte.

Molti volti noti dello spettacolo si sono più volte esposti in prima persona manifestando, a torto o a ragione, il loro pensiero e le loro idee sulla gestione dell’emergenza. Uno di loro è stato Al Bano: il celeberrimo cantante di Cellino San Marco ha fatto un gesto a sorpresa proprio come segnale contro la pandemia da Covid.

Segui anche la nostra pagina Instagram—>>clicca qui

Al Bano visita i pazienti dell’Ospedale Covid di Bari: le sue parole

Il famoso artista pugliese si è recato in visita all’Ospedale Covid della Fiera del Levante di Bari accompagnato dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e dal direttore generale del Policlinico, Giovanni Migliore. Una situazione che lo ha profondamente colpito ma con la quale Al Bano ha voluto trasmettere un segnale molto importante.

Si è incontrato a distanza con i pazienti, coi quali ha potuto parlare attraverso una videochiamata, cercando di dare loro sostegno e conforto. Molto incisive le parole del cantante: “Siccome siamo in piena terza guerra mondiale, io da buon soldato devo essere presente dove c’è necessità. E ci sono”, ha detto.

Al Bano Covid
Al Bano, visita all’Ospedale Covid: “È la terza guerra mondiale” (Instagram)

Consapevole di non poter avere la soluzione in tasca, Al Bano ha manifestato tutta la disponibilità a fare il possibile nella lotta al virus. “Ce la metto tutta perché qualcosa di positivo possa lasciarla anche io, con la speranza che finisca presto per tutti”.