Concerto Primo Maggio, il discorso di Fedez contro la Lega sul Ddl Zan: il rapper fa nomi e cognomi

Concerto Primo Maggio, il discorso di Fedez contro la Lega sul Ddl Zan: il rapper fa nomi e cognomi sul palco.

rapper lega concerto primo maggio
Concerto Primo Maggio, il discorso di Fedez contro la Lega su Ddl Zan: il rapper fa nomi e cognomi sul palco. (Fonte Instagram)

Un monologo forte, senza mezzi termini, quello di Fedez al Concertone del Primo maggio, in onda questa sera su Rai Tre. Anche sul palco il rapper ha continuato la battaglia che porta avanti da diverse settimane, a favore della legge contro l’omofobia. Nonostante il suo monologo sia stato definito “inopportuno” dalla vicedirettrice di Rai Tre, come ammesso dallo stesso Fedez, il cantante ha deciso di esprimersi liberamente, prendendosi la responsabilità di tutte le sue parole. Parole forti, in cui non sono mancati nomi e cognomi di esponenti della Lega, che il rapper ha attaccato apertamente.

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI

Fedez attacca la Lega al Concerto del Primo Maggio: il discorso del rapper

“Due parole sul personaggio del momento, il sonnecchiante Ostellari, il quale ha deciso che un’ iniziativa parlamentare come il Ddl Zan, quindi massima espressione del popolo, già approvato alla camera, può essere tranquillamente bloccato dalla voglia di protagonismo di un singolo, cioè se stesso. Ma d’altronde Ostellari fa parte di uno schieramento politico che negli anni si è distinto per la sua lgrande lotta all’uguaglianza.” E, a questo punto, il rapper elenca quelli che definisce ironicamente alcuni “aforismi”. Ascoltate:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trash Italiano (@trash_italiano)

“Qualcuno come Ostellari ha detto che ci sono altre priorità in questo momento di pandemia rispetto al Ddl Zan. E allora guardiamole queste priorità. Il senato non ha avuto tempo per il Ddl perché doveva discutere: l’etichettatura del vino, la riorganizzazione del Coni, l’indennità di bilinguismo ai poliziotti di Bolzano e, per non farsi mancare nulla, il reintegro del vitalizio di Formigoni. Quindi secondo Ostellari, probabilmente, il diritto al vitalizio di Formigoni è più importante della tutela dei diritti di tutti e di persone che vengono quotidianamente discriminate fino alla violenza.”, aggiunge Fedez.