Napoli, il miracolo di San Gennaro è avvenuto: il sangue si è sciolto al terzo tentativo

Napoli, il miracolo di San Gennaro è avvenuto: il sangue si è sciolto al terzo tentativo, alle ore 17 e 20 di domenica 2 maggio.

Sangue san gennaro
Napoli, il miracolo di San Gennaro è avvenuto: il sangue si è sciolto al terzo tentativo, alle ore 17 e 20 di domenica 2 maggio.

Il miracolo di San Gennaro è avvenuto: il sangue si è sciolto alle ore 17 e 20 di oggi, domenica 2 maggio, al terzo tentativo. Una lunga attesa per i fedeli, che, dopo ben due tentativi non riusciti, è terminata con l’annuncio di Don Doriano, che attraverso Facebook ha condiviso uno scatto della sacra ampolla contenente il sangue sciolto: ” Il prodigio della liquefazione del sangue è avvenuto!”

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI

Napoli, il sangue di San Gennaro si è sciolto: il miracolo avviene dopo due tentativi non riusciti

Fine dell’attesa per i tantissimi fedeli preoccupati per la mancata liquefazione del sangue di San Gennaro: si è sciolto questo pomeriggio, al terzo tentativo. Dopo il tentativo non riuscito di ieri, infatti, il sangue del Santo Patrono di Napoli non si era sciolto neanche questa mattina, alle messa delle ore 9 al Duomo. Poco fa, però, la notizia che in tanti attendevano. Attraverso Facebook, Don Doriano ha annunciato che il sangue si è sciolto alle 17 e 20 di questo pomeriggio:

17.20: il prodigio della liquefazione del Sangue è avvenuto!
C’era un grosso grumo al centro della teca ma improvvisamente il sangue ha iniziato a sciogliersi… Viva San Gennaro!!!

Pubblicato da Doriano Vincenzo De Luca su Domenica 2 maggio 2021

Al messaggio, il sacerdote allega la sacra ampolla contenente il sangue sciolto del Santo: “C’era un grosso grumo al centro della teca ma improvvisamente il sangue ha iniziato a sciogliersi… viva San Gennaro!”. Una splendida notizia per i napoletani, in ansia dopo i primi due tentativi falliti di ieri e di questa mattina. È accaduto per la seconda volta consecutiva, dopo ma mancata liquefazione di dicembre 2020.