Fedez contro la Rai, interviene Piero Pelù: “A me hanno detto di non sparare bombe”

Dopo l’attacco di Fedez alla Rai, Piero Pelù è intervenuto in un’intervista al Corriere: di seguito vi riportiamo le sue parole

fedez rai piero pelù
Fedez contro la Rai, le parole di Piero Pelù (Fonte: Instagram)

L’attacco di Fedez alla Rai ha smosso l’opinione pubblico. In occasione del concerto del 1° maggio, Federico Lucia, in arte Fedez, è salito sul palco ed ha recitato un monologo destinato ad entrare nella storia. Il rapper ha fatto nomi e cognomi, attaccando personalità politiche, partiti e in un secondo momento anche la Rai stessa. Secondo il cantante, infatti, la rete avrebbe provato a censurarlo, ovviamente senza riuscirci. Federico ha infatti pubblicato la telefonata sui social. La Rai nelle ore successive si è difesa, dicendo che la telefonata è stata manipolata. Secondo quanto riferito, infatti, alcune parti sarebbero tagliate.

Fedez contro la Rai, le parole di Piero Pelù

Dopo il monologo di Fedez sul palco del concerto del 1° maggio, molti si sono espressi e la maggior parte hanno dato ragione al cantante. Addirittura anche l’ex premier Giuseppe Conte ha dichiarato di stare dalla parte del cantante. Anche Piero Pelù, in un’intervista rilasciata al Corriere, ha espresso la sua opinione:Dicono che abbia passato il testo per farlo “gobbare” ai tecnici (riferito a quanto successo con Fedez ndr.), perché potesse leggerlo meglio in diretta e che da lì sia nata tutta la vicenda con l’intervento successivo della Rai. Se è stato un trabocchetto, allora è un genio, ma io questo non lo so”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Piero Pelù (@pieropelufficiale)

Anche Pelù in passato ha fatto parlare di sé: al concerto del 1° maggio 1993 mise infatti un preservativo sul microfono per protestare contro il Vaticano, il quale “ne sconsigliava l’uso nei tempi in cui l’Aids mieteva milioni di vittime”. Il cantante poi prosegue: “Avevo due preservativi in tasca che avevo preso in Belgio. Decisi che avrei aspettato il momento buono e il momento venne nel collegamento con Vincenzo Mollica“.

Quest’anno, invece, sembra che la Rai abbia fatto una particolare richiesta a Pelù: “La Rai mi ha chiesto di non sparare bombe troppo grosse, che sarebbe stato un Primo Maggio delicato, di non essere troppo aggressivo insomma…”.