Whatsapp, accadrà dal 15 maggio: se non accetti si blocca tutto giorno dopo giorno

Novità in arrivo per Whatsapp, cosa accadrà dal 15 maggio: se non accetti si blocca tutto.

Whatsapp
Cosa cambia da sabato 15 maggio

Il 15 maggio, Whatsapp subirà un cambiamento, a quanto pare, verranno definitivamente aggiornati i termini d’uso e l’informativa della privacy. Questa modifica porterebbe a dover accettare le nuove condizioni, dato che, in caso contrario, dopo alcune settimane, alcune funzioni saranno limitate.

Sembrerebbe, quindi, che la nuova ‘modifica’, sia da accettare, pena la limitazione di alcune funzioni, se non poi andare incontro ad una totale mancanza di funzionalità dell’applicazione: ecco esattamente cosa accadrà, e il motivo di tale scelta da parte della società.

Segui anche il nostro canale ufficiale instagram per essere sempre aggiornato–>> clicca qui

Whatsapp, dal 15 maggio cambia tutto: cosa succede se non accetti

A quanto pare, dal 15 maggio, per Whatsapp ci sarà il ‘definitivo’ aggiornamento dei termini d’uso e d’informativa della privacy. Ma cosa accade esattamente se non si accetta? Da sabato prossimo, l’applicazione inizierà a disattivare le funzionalità. Gli utenti potranno ancora utilizzare l’app per alcune settimane, per ricevere chiamate o rispondere ai messaggi, ma questo tempo è limitato.

Dopo alcune settimane di funzionalità, non sarai più in grado di ricevere chiamate o notifiche in arrivo, e whatsapp smetterà di inviare messaggi e chiamate al tuo telefono“, ha spiegato la società. Questa novità vedrebbe la messa in atto di nuove funzionalità.

Whatsapp
Da sabato 15 maggio whatsapp cambia: ecco cosa succede se non si accetta

Il motivo di questa scelta è legato al fatto che molti utenti hanno scaricato app alternative come Signal e Telegram, dopo l’annuncio, da parte di Whatsapp, che i nuovi termini sarebbero entrati in vigore dall’8 febbraio. Subito è subentrato l’allarme, secondo cui, in questo modo, l’app darebbe il diritto di leggere i messaggi degli utenti, e non solo, anche le varie informazioni, a Facebook. Per questo, la società ha lanciato una campagna, per smentire tali timori.