Sonia Bruganelli, confessione inedita: “Non sono stata in grado di farlo”

La moglie di Paolo Bonolis, Sonia Bruganelli, si è lasciata andare ad una confessione inedita: “Non sono stata in grado di farlo”

sonia bruganelli confessione
Sonia Bruganelli, confessione inedita: le sue parole in un’intervista (Fonte: Instagram)

Sonia Bruganelli è un’imprenditrice romana e moglie di Paolo Bonolis. I due si sono conosciuti nel 1997 per lavoro e oggi sono una delle coppie più amate della televisione italiana. Sono diventati ufficialmente marito e moglie nel 2002. La coppia ha avuto tre figli: Silvia, Davide e Adele. Oltre che una coppia nella vita privata, Paolo e Sonia sono una coppia anche nel mondo del lavoro. La Bruganelli, infatti, gestisce la Sdl Tv. Si tratta di “una vera e propria tv via web che permette di accedere a video inediti, backstage, clip e casting di Avanti un Altro, Ciao Darwin e tutte le trasmissioni principalmente condotte da Paolo Bonolis e Luca Laurenti”. La Sdl Tv è alla base del successo della maggior parte delle trasmissioni di Bonolis.

Sonia Bruganelli, confessione inedita: le sue parole

In un’intervista rilasciata a Le Belve, programma condotto da Francesca Fagnani su Rai 2, Sonia Bruganelli si è lasciata andare ad una confessione inedita. La Bruganelli ha parlato del periodo difficile vissuto quando è nata la figlia Silvia, affetta da una gravissima cardiopatia. La Bruganelli ha dichiarato: “Avevo 27 anni è stata una delusione fortissima. Poi per una persona purtroppo o per fortuna abituata a cercare di avere sempre il meglio, un figlio con una malattia è quanto di più difficile da gestire, anche egoisticamente non sono stata in grado di farlo. Ho dovuto abdicare per parecchio al mio ruolo di mamma con mia figlia Silvia”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sonia Bruganelli (@soniabrugi)

La Bruganelli ha parlato anche del suo rapporto con Paolo, che da sempre procede a gonfie vele. In quell’occasione, però, la coppia ha attraversato un periodo di crisi: “Paolo che ha preso in mano la situazione e si è trovato per più di un anno a fare da mamma e da papà a nostra figlia che aveva delle enormi difficoltà”.