Deddy, ‘brutto ricordo’ ad Amici: confessione a sorpresa

Deddy confessa di avere un ‘brutto ricordo’ sulla sua esperienza ad Amici di Maria De Filippi: ecco le sue parole

deddy amici
Deddy, confessione a sorpresa su Amici: ‘brutto ricordo’ (Fonte: Instagram)

Dennis Rizzi, in arte Deddy, è stato uno degli allievi della ventesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Il cantautore originario di Settimo Torinese, in provincia di Torino, prima di entrare nella scuola più famosa d’Italia lavorava come barbiere. Il cantante si è presentato alla sfida di Amici 20 contro Giulio Musca per volere del professore di canto Rudy Zerbi. Dennis ha portato un suo brano dal titolo “Nella notte”, riuscendo a conquistare l’attenzione dei giudici e vincere il banco. Nel corso della sua esperienza nel talent show di Maria De Filippi ha pubblicato una serie di inediti, come Il cielo contromano, Ancora in due e Zero passi da te. Nella scuola ha stretto un rapporto ‘speciale’ con la ballerina Rosa Di Grazia. Uno dei suoi inediti è dedicato proprio alla napoletana.

Deddy, ‘brutto ricordo’: confessione a sorpresa su Amici

L’esperienza di Deddy nel talent show Amici di Maria De Filippi è stata abbastanza formativa. Il cantautore è entrato nella scuola senza una preparazione e soprattutto con un altro mestiere. Dennis infatti, prima di entrare nella scuola più famosa d’Italia, lavorava come barbiere. Il cantante però è rimasto sempre con i piedi per terra, riuscendo a conquistare i giudici e soprattutto il pubblico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Deddy (@sonodeddy)


Il cantautore però non è riuscito ad approdare alla finalissima, dove invece è giunto Sangiovanni, che poi ha perso con Giulia Stabile. Per lui resta in ogni caso un’esperienza formativa e che sicuramente non dimenticherà.

In una recente intervista rilasciata a Radio Zeta, Deddy si è lasciato andare ad una confessione a sorpresa: “Ho un unico ricordo brutto” – ha affermato il giovane – “quando mi son sentito dire che non so cantare, ma in realtà mi è servito per motivarmi e dimostrare il contrario”.