Sestri Levante, è morta Camilla Canepa: era stata vaccinata con AstraZeneca

Sestri Levante in lutto, è morta a 18 anni Camilla Canepa: era stata vaccinata con AstraZeneca, la Procura apre l’inchiesta

camilla morta astrazeneca
Camilla morta a 18 anni: era stata vaccinata con Astrazeneca (Fonte: Pixabay)

Il paese di Sestri Levante, in provincia di Genova, è in lutto. È morta Camilla Canepa, la diciottenne ricoverata domenica al S.Martino di Genova dopo una trombosi al seno cavernoso. La giovane era stata operata per la rimozione del trombo e per ridurre la pressione intracranica. A dare la notizia la sindaca di Sestri Valentina Ghio su Twitter: “Purtroppo, poche ore fa, Sestri Levante è stata colpita da un lutto che mai avremmo voluto vivere. L’amministrazione comunale e tutta la città si stringono intorno alla famiglia della ragazza scomparsa oggi. In questo momento di dolore esprimo tutto il mio affetto e la mia vicinanza ai familiari di Camilla”.

LEGGI ANCHE: La conduttrice BBC Lisa Shaw è morta a 44 anni: aveva ricevuto il vaccino Astrazeneca

Sestri Levante in lutto, è morta Camilla: era stata vaccinata con Astrazeneca

È morta Camilla Canepa, la diciottenne originaria di Sestri Levante ricoverata il 5 giugno al San Martino di Genova per una trombosi. La giovane era stata vaccinata con AstraZeneca il 25 maggio nell’open day per gli over 18. La terribile notizia è stata annunciata dalla sindaca di Sestri Valentina Ghio sulla sua pagina Twitter.

Secondo quanto si ipotizza, Camilla forse avrebbe potuto essere operata già due giorni prima. Il pubblico ministero Stefano Puppo e l’aggiunto Francesco Pinto hanno aperto un fascicolo senza ipotesi di reato sulla vicenda: il reato ipotizzabile sarebbe quello di lesioni colpose. I magistrati hanno chiesto alla direzione sanitaria tutta la documentazione relativa all’iter vaccinale, oltre a quanto accaduto dal primo accesso al pronto soccorso, alle dimissioni, fino al secondo ricovero.


La ragazza, infatti, era andata una prima volta in pronto soccorso all’ospedale di Lavagna il 3 giugno con cefalea e fotofobia. Secondo quanto dichiarato dai vertici ospedalieri, la diciottenne era stata sottoposta a Tac cerebrale ed esame neurologico, risultati entrambi negativi. Camilla era stata poi dimessa con la raccomandazione di ripetere gli esami del sangue dopo 15 giorni.

La giovane, però, è tornata il 5 giugno al pronto soccorso del San Martino di Genova con deficit motori. Nell’ospedale ligure è stata sottoposta a Tac cerebrale “con esito emorragico” ed è stata immediatamente trasferita nel reparto di Neurochirurgia, dove ha ricevuto due interventi chirurgici.