Vladimir Luxuria, terribile retroscena: “Erano dalla parte dei violenti”, incredibile

Un terribile retroscena raccontato da Vladimir Luxuria: “Erano dalla parte dei violenti”, di seguito vi riportiamo le sue parole

vladimir luxuria retroscena
Vladimir Luxuria, retroscena terribile: il suo racconto da brividi (Fonte: Screen Mediaset Play)

Vladimir Luxuria è uno dei personaggi più amati della tv italiana. Si definisce transgender, in quanto la sua identità di genere non corrisponde al sesso di nascita. È divenuta famosa in televisione grazie al Maurizio Costanzo Show, dove ha partecipato dal 1999 al 2005 come ospite fisso. Nel 2008 vince la sesta edizione de L’isola dei famosi con il 56% dei voti. Partecipa al reality show in altre due occasioni, nel 2011 e nel 2012, prima nei panni di opinionista e poi di inviata. In seguito è stata anche opinionista e concorrente ‘temporanea’ del Grande Fratello. Spesso è presente nei salotti televisivi di Barbara D’Urso.

LEGGI ANCHE: Gf Vip, rivelazione shock di Luxuria dopo il coming out di Gabriel Garko: “Quanti attori…”

Vladimir Luxuria, terribile retroscena: le sue parole

Nato a Foggia come Wladimiro Luxuria, la sua vita non è stata di certo facile. Vladimir infatti ha sofferto di bullismo sin da piccolo. Anche la scuola, dove Luxuria pensava di sentirsi protetta, in realtà si è trasformato per lei in un luogo del terrore.

In un’intervista ha infatti raccontato che ogni giorno doveva subire le risatine dei suoi compagni di scuola. Presto però ha dovuto sopportare anche i comportamenti degli insegnanti: “Una supplente mi ha chiamato alla lavagna e mi ha detto: ‘Tira fuori la mano’, mi ha dato una bacchettata perché dovevo comportarmi da maschi. Chi doveva proteggermi era dalla parte dei violenti”.


Luxuria poi racconta di non aver restituito l’odio sugli altri, anzi, di averlo trasformato in sensibilità: “Nessuno a 13-14 anni deve lasciare il desiderio di lasciare la scuola o la vita. Le parole uccidono. Quando ad un ragazzo dici ‘Mezza femmina’, sono pietre e dolori che te li porti a casa”. Vladimir spera che le istituzioni insegnino a contrastare ogni forma di bullismo, soprattutto oggi che sui social gli insulti continuano 24 ore su 24.