Dopo 26 anni di matrimonio il regista sconvolge tutti: si separa da sua moglie

Il noto regista sconvolge tutti: dopo ventisei anni si separa da sua moglie, di seguito vi diciamo di chi stiamo parlando

regista moglie
Il famoso regista si separa dalla moglie dopo 26 anni: l’annuncio sui social (Fonte: Instagram)

Il famoso regista sconvolge i suoi fan: dopo ben ventisei anni ha deciso di separarsi da sua moglie. La coppia sembrava molto affiatata e per questo motivo la notizia ha spiazzato il pubblico. Il triste annuncio è arrivato sui canali social dell’artista e tra l’altro in maniera molto ‘autentica’. Di seguito vi diciamo di chi stiamo parlando, riportandovi le sue parole.

LEGGI ANCHE: Storia al capolinea per i due divi di Hollywood: la coppia di attori si è separata

Il regista si separa dalla moglie dopo 26 anni: l’annuncio

Il noto regista si è separato dalla moglie dopo ben ventisei anni. Stiamo parlando di Alessandro D’Alatri, autore de Il commissario Ricciardi, nota serie televisiva in onda su Rai 1. L’uomo si è separato dalla moglie, Christiane Horedt. La coppia ha deciso di dirsi addio dopo ben ventisei anni di matrimonio.

Il famoso regista ha annunciato la separazione dalla moglie attraverso un post pubblicato su Instagram: “Celebriamo i nostri 26 anni di matrimonio con un regalo: ci siamo separati“. D’Alatri ha pubblicato l’annuncio in modo ‘autentico. Nonostante il testo dell’annuncio sia molto triste, ha fatto comunque sorridere i seguaci di D’Alatri. La genialità con la quale il regista ha annunciato la fine della sua storia d’amore ha sorpreso i fan. Ieri, la coppia avrebbe festeggiato ventisei anni di matrimonio, ma il regalo se lo sono fatti, stando a quanto scritto da D’Alatri, separandosi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro D’Alatri (@aledalatri)

La coppia ha due figlie, Federica e Carolina. Non sappiamo come abbiano reagito le ragazze. Ci auguriamo ovviamente che tra i due ex coniugi sia rimasto un bel rapporto e che le figlie non soffrano la separazione dei propri genitori.