Tragedia nel mondo della musica, morti due rapper a distanza di poche ore: uccisi a colpi di pistola

Una vera e propria tragedia nel mondo della musica: due rapper sono stati uccisi a distanza di poche ore, ecco chi sono

rapper uccisi
Due rapper uccisi a colpi di arma da fuoco: è successo a distanza di poche ore (Fonte: Pixabay)

Il mondo della musica è sconvolto: due rapper sono stati uccisi a poche ore di distanza l’uno dall’altro. Il primo è stato freddato con 64 colpi di arma da fuoco, l’altro invece è stato ucciso mentre era in diretta su Instagram. Il video ha fatto il giro del web, aumentando il panico e soprattutto lo stupore. Di seguito vi diciamo chi sono i due cantanti ammazzati e vi spieghiamo nel dettaglio cos’è successo.

LEGGI ANCHE: Il rapper americano Dmx ricoverato in ospedale in gravissime condizioni

Due rapper uccisi a colpi di arma da fuoco

Due rapper, KTS Dre e Indian Red Boy, sono stati uccisi a poche ore di distanza l’uno dall’altro. KTS Dre, il cui vero nome era Londre Sylvester, era da poco uscito di prigione ed è stato ucciso con una scarica di 64 colpi di arma da fuoco. Il rapper è morto poco dopo il suo arrivo in ospedale. Stando a quanto riportato dalle cronache locali, alcuni sospetti sarebbero usciti da due veicoli separati e avrebbero cominciato a sparare in direzione del veicolo su cui si stava muovendo il cantante di 31 anni. I colpi l’hanno ferito mortalmente alla testa e in altre parti del corpo.

indian red boy
Il rapper Indian Red Boy poco prima di morire in diretta su Instagram

Poche ore prima, un altro giovanissimo rapper, Indian Red Boy, è stato ucciso mentre era in auto facendo una diretta su Instagram con un suo collega. Il cantante sarebbe stato colpito al volto a al torso. Il video ha fatto il giro del web e c’è chi ha commentato: “Un minuto ridi e il minuto successivo ansimi per implorare aiuto”. Nel video, infatti, pare si senta il rapper chiedere aiuto all’amico.
Come scrive la NBC di Chicago, i due rapper sarebbero le ultime vittime di una lunga scia di persone vittime di agguati da colpi d’arma da fuoco avvenuti nel weekend in città.