“Sono un alcolista”, confessione drammatica del cantante: le sue parole

Il cantante si lascia andare ad una confessione drammatica: “Sono un alcolista”, di seguito vi riportiamo le sue parole

cantante confessione
Il cantante si lascia andare ad una confessione drammatica: le sue parole (Fonte: Facebook)

Il famoso cantante, che si è esibito anche sul palco dell’Ariston di Sanremo, riscuotendo un discreto successo, si lascia andare ad una confessione drammatica: “Sono un alcolista“. Le sue parole lasciano di stucco i fan. Di seguito vi diciamo di chi stiamo parlando, riportandovi le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE: È l’amata cantante da piccola, con il suo sguardo dolce e i ricci capelli: difficile riconoscerla così

“Sono un alcolista”: confessione drammatica del cantante

Junior Cally, nome d’arte di Antonio Signore, è un rapper nato a Genzano di Roma. Ha iniziato la sua carriera nel 2017, ma è salito alla ribalta di recente, quando ha partecipato per la prima volta al Festival di Sanremo con il brano No grazie. La sua partecipazione ha destato moltissime polemiche. In passato, infatti, il rapper aveva scritto brani contenenti un linguaggio violento nei confronti del genere femminile.

Anche la Rai era divisa riguardo alla sua partecipazione al Festival: il direttore Stefano Coletta e l’amministratore delegato Fabrizio Salini erano a sostegno delle accuse, mentre il direttore artistico Amadeus ha ricordato che anche altri artisti hanno all’attivo brani che descrivono scene misogine e violente, come ad esempio Marco Masini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JUNIOR CALLY (@juniorcally)


A distanza di un anno ormai dalla sua partecipazione al Festival di Sanremo, il rapper si lascia andare ad una confessione drammatica. Su Instagram, infatti, ha scritto: “Sono un alcolista e, come già sapete, soffro anche del disturbo ossessivo compulsivo”.

Per questo dichiara di aver deciso di fermarsi “prima che sia troppo tardi”. Junior Cally poi aggiunge: “Ho scelto la vita e ho deciso di respirare e di pensare alla mia salute mentale e non”. Spero di riuscire a farvi incontrare una versione di me migliore, una persona che non accarezza la morte con un bicchiere in mano”.