La moda: sempre più inclusiva

Il look, l’outfit o abbigliamento che scriver si voglia, è il primo biglietto da visita utile per inviare a quanti ci circondano informazioni su noi stessi.

Ed è proprio in virtù di tale importanza, che quando si parla di abbigliamento raramente ci si affida al caso.

Nella scelta dei capi da indossare, un ruolo molto importante è giocato dai gusti personali, ma anche da altri aspetti come dal tipo di musica che si ascolta, dai colori preferiti e dall’occasione.

Certamente, un abito da cerimonia lo si indosserà per un’occasione speciale, mentre uno stile casual è più indicato per affrontare la quotidianità.

 

Come essere alla moda prestando attenzione al portafogli?

Non è detto che per vestire alla moda e seguire le tendenze dell’estate 2021 si debba, necessariamente, spendere una fortuna.

Vi sono, infatti, alcuni consigli ed accorgimenti che possono aiutare nella scelta del giusto outfit, che mette in risalto le proprie forme e la propria femminilità indipendentemente dalla taglia.

Una soluzione alla portata di tutti, ad esempio, sono i siti web ed e – commerce come Ulla Popken, che offrono la possibilità di acquistare capi di qualità, alla moda anche per donne curvy, con una particolare attenzione all’aspetto prettamente economico.

Ed ancora. Le piattaforme di e – commerce consentono di visionare più capi velocemente ed in pochi click, semplicemente da casa senza la necessità di uscire e cercare il negozio più adatto.

Lo shopping online si rivela, quindi, essere un valido supporto e un prezioso alleato per scoprire e conoscere le ultime tendenze moda e, ovviamente, per procedere all’acquisto nel momento in cui si trova qualcosa che soddisfa i gusti dell’acquirente.

Da non sottovalutare, inoltre, è il periodo dei saldi in cui, come dimostrano i dati, si registra un aumento della spesa pro capite per abbigliamento, scarpe, borse ed accessori. Ciò è supportato dalla consapevolezza di poter acquistare durante i saldi, più capi d’abbigliamento spendendo meno.

Sarebbe errato, inoltre, tralasciare l’importanza degli outlet e dei magazzini che, durante tutto l’anno, offrono la possibilità di risparmiare avendo la certezza di acquistare prodotti di marca e di qualità.

Quali sono le tendenze moda dell’estate 2021?

L’arrivo dell’estate, le temperature calde, le serate piacevoli da trascorrere all’aperto, la voglia di relax, di svago, di leggerezza e di divertimento fanno sì che si possano indossare capi leggeri, freschi e colorati.

Tra i capi d’abbigliamento che non deve mancare nell’armadio durante il periodo estivo vi è, senza particolari dubbi, il top. Numerose sono le versioni che si possono trovare in commercio, a strisce, a righe, colorato, bianco, nero, e molte altre varianti al fine di essere adatto sempre in qualsiasi occasione. I veri re dell’estate 2021 sono i pantaloni anni ’80, un chiaro richiamo e riferimento alla moda vintage, rivisitata per essere sempre attuale nonostante lo scorrere del tempo.

In fin dei conti, si sa che la moda è un susseguirsi di ritorni ed innovazioni.

Le parole d’ordine quest’anno sono comodità e praticità. Infatti, si prediligono tagli larghi che favoriscono la respirazione della pelle, rendendo le alte temperature più sopportabili ma che, allo stesso tempo, non incidono sulla femminilità e sulla sensualità.

Moda per le donne curvy

Fino a qualche decennio fa, la moda sembrava essere pensata e creata soltanto per donne che rispettassero determinati canoni estetici, preferibilmente magre, alte e snelle.

Ad oggi, sulle copertine delle riviste che trattano di moda e di stile ed anche sulle passerelle, vi è spazio anche per le donne curvy.

Dovrebbe sorprendere come in passato le donne in carne, con qualche chilo di troppo e più formose, non fossero annoverate tra le bellezze femminili meritevoli, in quanto donne, di poter indossare abiti che mettessero in mostra ed in luce le proprie forme.

Ed invece, è stata necessaria una sorta di rivoluzione pacifica, affinché si comprendesse che la bellezza appartiene a tutte le donne, indipendentemente dalla taglia e dai centimetri del girovita.

quando si parla di abbigliamento, di outfit e di look, non di rado, capita di associare tali pensieri alla parola normalità. Pertanto, non è errato sostenere che fino a qualche anno fa si considerava normale che le donne curvy dovessero accontentarsi di capi anonimi, quasi privi di identità.

Ed, invece, oggi è normale vedere crescere il numero delle case di moda che scelgono e decidono di produrre capi in grado di soddisfare le richieste anche delle donne che indossano taglie superiori alla 42.

Con maggiore frequenza, inoltre, si assiste alle discussioni attorno al tema del Body Positivity, che promuove l’accettazione e la valorizzazione del corpo della donna, lontano da stereotipi ed etichette che feriscono, oltre ad essere inopportune e poco indicate.

Si tratta di un movimento che, in realtà, non riguarda soltanto le discriminazioni relative al peso ed alla taglia delle donne ed anche degli uomini. Purtroppo, infatti, il body shaming è un fenomeno che travolge chiunque, uomo o donna che sia non fa differenza, non sia ritenuto idoneo e rispettoso dei canoni di bellezza imposti dalle tendenze del momento.