Ciro Ferrara: “Ho sofferto di una malattia”, il campione svela di essere stato in sedia a rotelle per un mese

La malattia che colpì Ciro Ferrara da adolescente, raccontata da lui stesso a Verissimo e che lo costrinse ad un mese sulla sedia a rotelle.

Ciro Ferrara malattia
Ciro Ferrara: “Ho sofferto di una malattia”, il campione racconta di essere stato in sedia a rotelle per un mese (Instagram)

E’ tra i calciatori italiani ad aver vinto il maggior numero di scudetti: Ciro Ferrara ha fatto la storia del calcio come giocatore della Juventus e poi come allenatore. Dal 2015-2016 è opinionista sportivo per Premium Calcio.

Leggi anche——>>>Flora Canto, la compagna di Enrico Brignano e l’intervento chirurgico: tutta la verità raccontata sulla malattia

Napoletano, 54 anni, Ferrara nel 2005 ha dato vita insieme ad un altro grande campione, Fabio Cannavaro, un’associazione di volontariato dedicata ai bambini napoletani in difficoltà.

Tanti traguardi sono arrivati però dopo un momento davvero difficile, vissuto durante l’adolescenza: in quegli anni Ciro fu colpito da una malattia che lo costrinse sulla sedia a rotelle.

Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: vi regaliamo scoop, meme e intrattenimento! CLICCA QUI

Ciro Ferrara, la malattia che lo colpì molti anni fa: di cosa si trattava

Separato dal 2017, l’ex calciatore ha tre figli: Benedetta, Giovanbattista e Paolo. Durante gli anni dell’adolescenza, Ciro Ferrara soffrì di una malattia e di quel difficile periodo parlò in un’intervista a Verissimo.

Leggi anche—–>>>“Il morbo di Perthes”: Filippo Bisciglia e la malattia che ti impedisce l’uso delle gambe, racconto da brividi

Si trattava della sindrome di Osgood-Schlatter: “Ho sofferto di una malattia, durante la fase di sviluppo, che mi ha portato su una sedia a rotelle per un mese, ma questo non mi ha mai fatto mollare il calcio”, raccontò ai microfoni di Canale 5.

Ciro Ferrara malattia
Ciro Ferrara: “Ho sofferto di una malattia”, l’ex calciatore svela di essere stato in sedia a rotelle per un mese (Instagram)

Un retroscena difficile da immaginare quando si parla di un atleta con una carriera del genere. Eppure, l’amore per lo sport ha vinto anche in quell’occasione.