Amici, “Ricordo di averlo aspettato alla finestra, ma non è mai tornato”: terribile racconto

Amici, “Ricordo di averlo aspettato alla finestra, ma non è mai tornato”: terribile racconto dell’ex ballerina del talent show.

amici racconto terribile ballerina
Amici, “Ricordo di averlo aspettato alla finestra, ma non è mai tornato”: terribile racconto dell’ex ballerina del talent show. (Fonte Instagram)

È stata una delle concorrenti più amate dell’edizione numero 20 di Amici di Maria De Filippi. Con le sue coreografie ha fatto sognare i fan, ma non tutti sanno che la ballerina nasconde un terribile dolore. Un brutto incidente gli ha portato via il suo papà, quando aveva solo 9 anni, nel maggio del 2010.

LEGGI ANCHE ——>Sta per tornare ad Amici un personaggio molto amato: il suo posto è lì che lo aspetta

L’ex allieve di Lorella Cuccarini ha raccontato la triste storia attraverso le sue stories di Instagram, un po’ di mesi fa. In seguito i dettagli.

  • Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: vi regaliamo scoop, meme e intrattenimento —> CLICCA QUI

Amici, “Ricordo di averlo aspettato alla finestra, ma non è mai tornato”: il dolore di Martina Miliddi

Una perdita dolorosissima, quella che ha colpito Martina Miliddi quando era solo una bambina. Il 29 maggio del 2010, il suo papà Antonio, autotrasportatore di 41 anni, è morto a causa di un incidente avvenuto mentre era a bordo del suo furgone, di cui ha perso il controllo. Un ricordo terribile per la ballerina di Amici, che proprio lo scorso 29 maggio ha scritto un lungo post sui social dedicato al suo papà.

“Se continuo a pensare a quel giorno, non riesco a smettere di essere arrabbiata. Non so, ho pensato che sarebbe potuta andare diversamente se solo avessi potuto fare qualcosa. Ero solo una bambina allora. Stavo solo aspettando di vedere alla finestra il mio papà.“, scrive Martina, che spiega come quel giorno a Cagliari ci fosse brutto tempo. Per quel motivo, infatti, papà Antonio decise di non portare la piccola con sé : “Ti avevano richiamato per fare un’ultima consegna e ricordo che volevo venire con te. Mi ricordo che mi dicesti di sì ma poi guardando fuori ti accorgesti che era una pessima idea. Come se sapessi già, come se mi stessi proteggendo”.

“Vorrei vedessi che sto cercando di realizzare il mio piccolo sogno. Anzi, era anche un po’ il tuo.”, continua Martina, parlando della sua passione per il ballo, che continuerà a coltivare anche per lui.

(Fonte Instagram)

La struggente lettera si conclude così: “Ho quasi 20 anni ora e non mi stancherò mai di cercare la luna in cielo. Ma credo che la verità sia che tutto questo non mi passerà mai. Ti amerò sempre.”