Lutto nel mondo della musica, è morto Lee ‘Scratch’ Perry: era il ‘padrino’ di Bob Marley

Lutto nel mondo della musica, è morto Lee Scratch Perry: era il ‘padrino’ di Bob Marley ed icona del reggae

lee perry
È morto Lee ‘Scratch’ Perry: è stato il ‘padrino’ artistico di Bob Marley (Fonte: Twitter)

Il mondo della musica è in lutto: è morto un’icona del genere reggae. Lee ‘Scratch’ Perry si è spento all’età di 85 anni. È stato il ‘padrino’ artistico di Bob Marley, altro genio del genere reggae.

LEGGI ANCHE: Lutto per i Rolling Stones, è morto Charlie Watts: era una leggenda della musica

È morto Lee ‘Scratch’ Perry: era il ‘padrino’ di Bob Marley

Si è spento all’età di 85 anni il musicista giamaicano Lee ‘Scratch’ Perry. Era un’icona del reggae ed era considerato il ‘padrino’ artistico di Bob Marley, anche lui leggendario artista scomparso tragicamente nel 1981. Il decesso è avvenuto nell’ospedale di Lucea, nel nord-ovest della Giamaica occidentale, e le cause non sono state precisate.

Il primo ministro giamaicano, Andrew Holness, ha reso omaggio su Twitter a un “indimenticabile” Perry, lodando il suo “straordinario contributo” alla musica. Perry – come abbiamo già detto – è una vera e propria leggenda del genere reggae. Il mondo della musica piange la scomparsa di un’artista impareggiabile.

Chi era

Perry è considerato uno dei personaggi più importanti per la storia della musica elettronica. Il suo uso innovativo della tecnologia ha trasformato la musica giamaicana da folklore locale a fenomeno mondiale. Perry ha inventato un nuovo genere musicale, la Dub, grazie all’uso spregiudicato che faceva dello studio di registrazione.

Come produttore e autore ha raggiunto la fama negli anni ’60 e ’70, quando contribuisce a fare del reggae una musica di grande successo nel mondo del pop. È stato produttore di moltissimi artisti, tra cui spicca sicuramente la figura di Bob Marley. È stato proprio lui a dare il nome alla band del famosissimo artista reggae ed ha registrato con loro le prime hit come “Small Axe” e “Sun is shining“. Nel corso della sua carriera è stato insignito di numerosi riconoscimenti, tra cui un Grammy Award nel 2002.