Paolo Bonolis, per il pubblico un vero dispiacere: il suo programma “non ha futuro in tv”

Paolo Bonolis ha rivelato un ‘segreto’ sul suo vecchio programma, Il senso della vita: la confessione arriva solo ora, il talk show non tornerà in tv.

paolo bonolis tv
Quel suo amatissimo programma non ha futuro in tv: la rivelazione fatta solo ora, in tanti sono davvero dispiaciuti

E’ uno dei più grandi presentatori nella storia della tv italiana: Paolo Bonolis ha cominciato la sua carriera negli anni ’80 ed in poco tempo ha raggiunto una grande notorietà. Inoltre, insieme al suo amico e collega Luca Laurenti con il quale collabora dal ’91, forma una delle coppie più amate dal pubblico del piccolo schermo italiano. Tra sorrisi, battute ed intrattenimento, Bonolis è sempre entrato nel cuore di tutti i suoi telespettatori. Tra i tanti programmi condotti, in molti ricorderanno Il senso della vita. E’ stato uno show ideato e condotto dal marito di Sonia Bruganelli: il talk show proponeva storie ed interviste a personaggi famosi. Sapete perchè non tornerà in onda?

Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: vi regaliamo scoop, meme e intrattenimento! CLICCA QUI

Paolo Bonolis in un’intervista al settimanale Chi ha parlato del programma andato in onda dal 2005 al 2008 e poi riproposto nel 2011. Parliamo di Il senso della vita: il conduttore si sente particolarmente legato al suo vecchio talk show che purtroppo non tornerà in onda.

Leggi anche Bonolis reagisce alle critiche di Baudo: non passa inosservato il commento della moglie

“Ci penso spesso. È un programma di racconto e di pensiero che non può andare in seconda serata: il suo costo è alto e non può essere collocato in quella fascia. A malincuore dico che è un progetto meraviglioso verso il quale nutro affetto, ma non avrà futuro” ha confessato il conduttore.
Bonolis ha parlato della sua brillante carriera: si ritiene fortunato per tutto ciò che ha fatto negli anni. “Nel mio lavoro sono stato bravo, ma anche fortunato perché mi sono potuto esprimere in ciò che sapevo fare e non in un’altra professione, dove magari sarei stato una pippa…”.