“La Casa di Carta”, in pochi conoscono il significato della canzone ‘My Life is Going on’

Conoscete il significato della canzone ‘My life is going on’, colonna sonora della serie tv La Casa di Carta?

My Life is Going on la casa di carta
Ecco il significato della colonna sonora de La Casa di Carta

La Casa di Carta è tornata con nuovi episodi e come previsto, la quinta stagione ha già conquistato milioni di telespettatori. Il primo volume del capitolo conclusivo ha lasciato tutti a bocca aperta: i fan della serie televisiva dovranno attendere il prossimo dicembre per scoprire come andrà a finire l’incredibile rapina alla Banca di Spagna. Oltre agli eventi inaspettati, in tanti si sono accorti di una novità: La Casa di Carta ha presentato come colonna sonora una nuova versione di ‘My life is going on’. Realizzata dal duo elettronico Ariano Kinà & Marco Bruzzano e cantata da Miriam Ferrigno, il brano di Cecilia Krull è uno dei più ascoltati su Spotify e Youtube. Sapete il significato della canzone?

Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: vi regaliamo scoop, meme e intrattenimento! CLICCA QUI

“La Casa di Carta”, in pochi conoscono il significato della canzone ‘My Life is Going on’

Il famosissimo brano ‘My Life is Going on’ è uno dei più amati ed ascoltati soprattutto dai fan della serie tv Netflix, La Casa di Carta. Racconta di un amore finito: due persone hanno bisogno di crescere e dividere le loro strade, decidono di separarsi.

Si tratta di una canzone piuttosto malinconica, in contrasto poi con il ritmo serrato della serie tv: La Casa di Carta è fatta di scene di grandissima azione e di altre invece, più romantiche.

Leggi anche La Casa di Carta, drammatica confessione dell’attore: soltanto adesso l’ha rivelato, notizia choc

“If I stay with you, If I′m choosing wrong, I don’t care at all

(Se io sto con te, se faccio una scelta sbagliata,
Non mi interessa)

If I′m losing now, But I’m winning late, That’s all I want

Now we need some space, ′Cause I feel for you, And I wanna change

(Adesso abbiamo bisogno di spazi, per ciò che provo per te
E voglio cambiare)”