GF Vip, Alfonso Signorini ha deciso: si tratta di una vera e propria ‘rivoluzione’

La decisione di Alfonso Signorini cambia le carte in tavola al GF VIP: si tratta di una vera e propria ‘rivoluzione’

alfonso signorini gf
GF VIP, Alfonso Signorini ha preso una decisione: cambia tutto (Fonte: Instagram)

Il Grande Fratello Vip sta per tornare. Dopo gli ascolti entusiasmanti dello scorso anno, la rete del Biscione ha deciso di puntare nuovamente sul reality show condotto da Alfonso Signorini. Quest’anno il padrone di casa ha preso una decisione che cambia le carte in tavola. Si tratta di una vera e propria ‘rivoluzione’ per il reality show.

LEGGI ANCHE: Grande Fratello Vip, svelato il nome del terzo concorrente: l’annuncio appena arrivato, è un’ex di Uomini e Donne

GF VIP, la decisione di Alfonso Signorini

La sesta edizione del Grande Fratello Vip è alle porte. La produzione è pronta per riaprire la famigerata porta rossa e riaccendere le telecamere. Il cast della nuova edizione è stato ufficializzato dal settimanale Tv Sorrisi e Canzoni. Molti concorrenti erano già stati annunciati nelle settimane precedenti da siti e settimanali che si occupano di televisione. Giovani e adulti, nobili e ‘popolani’: al Grande Fratello Vip quest’anno ci saranno veramente tutti.

Quest’anno il conduttore Alfonso Signorini ha preso una decisione senza precedenti. Memore delle passate esperienze, infatti, il padrone di casa ha deciso di cambiare il regolamento. Nell’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni, Signorini ha sottolineato: “Mi è piaciuto poco il fatto di essere censori di certi comportamenti, mi è sembrato anacronistico. Ora ogni caso sarà valutato secondo il principio che non è la parola che offende, ma l’intenzione”.

gf vip 6
(Facebook)

Al Grande Fratello Vip, dunque, non sarà punita più la parola, come nel caso di Fausto Leali (giusto per fare un esempio), ma l’intenzione. Il conduttore del reality show, però, ci tiene a precisare: “Non significa “liberi tutti”, ma se una parola nel contesto non è offensiva, non va stigmatizzata. Le bestemmie però saranno sempre punite”.