Lino Banfi, sapete che questo non è il suo vero nome? Retroscena pazzesco, il consiglio di Totò

Lino Banfi, sapete che questo non è il suo vero nome? Il consiglio di Totò, uno dei più grandi artisti della scena italiana, fu fondamentale.

Lino banfi
Sapete qual è il vero nome di Lino Banfi? L’ha cambiato dopo consiglio di Totò (fonte getty)

Lino Banfi è un attore amatissimo e apprezzatissimo. In realtà, il suo nome, forse, non tutti lo sanno, non è affatto questo. Infatti, è Pasquale Zagaria. Solo dopo il preziosissimo consiglio di uno dei più grandi artisti della scena italiana, Totò, decise di cambiarlo in Lino Banfi.

Leggi anche Lino Banfi: “Ad 85 anni sto vivendo….”, parole che nessuno avrebbe immaginato

Fu l’artista napoletano a dargli un importante consiglio sulla scelta del nome. Ma qual è il motivo che si cela dietro questa scelta? Totò diede a Banfi un valido motivo per spronarlo a scegliere proprio questo nome e non un altro. Scopriamolo insieme!

Segui anche il nostro canale INSTAGRAM per essere sempre aggiornato: regaliamo scoop, meme e tanto intrattenimento! Clicca subito qui

Lino Banfi, il consiglio di Totò sul suo nome: il retroscena pazzesco che pochi conoscono

Impossibile non amare Lino Banfi. In questi anni, il talento dell’attore ci ha completamente avvolto. La sua carriera è un pieno di successi, tutti meritatissimi. Sapete che questo, Lino Banfi, non è il suo vero nome?

Leggi anche Lino Banfi “scioccato”: cos’è successo proprio nel giorno del suo compleanno

Proprio così, l’attore Pasquale Zagaria ha scelto di cambiarlo tantissimi anni fa. Una scelta arrivata dopo uno stretto consiglio di uno degli artisti più grandi della scena italiana, Totò. Fu, infatti, l’artista napoletano a spronare l’attore lasciandogli un importante consiglio nella scelta.

In realtà, all’inizio della sua carriera, aveva deciso di cambiare il suo nome in Lino Zaga. Fu Totò, a quel punto, a confidargli che accorciare il proprio cognome nel mondo dello spettacolo porti sfortuna. Decise, allora, di cambiare in Banfi, grazie al suo impresario, un maestro di scuola elementare che scelse il cognome prendendo il primo nominativo dal registro di classe dei suoi allievi, Aureliano Banfi.