Giacomo di ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’, cosa faceva prima di diventare famoso: “Ho sofferto”

Cosa faceva Giacomo Poretti di ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’ prima di diventare famosa? Le sue dichiarazioni: “Ho sofferto”

giacomo aldo giovanni e giacomo
Giacomo Poretti parla del suo passato da infermiere: le sue dichiarazioni (Fonte: Instagram)

Sapete cosa faceva prima di diventare famoso Giacomo Poretti di ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’? L’attore e comico l’ha raccontato in un’intervista rilasciata a Panorama, al quale ha dichiarato: “Ho sofferto“. Di seguito vi sveliamo alcune curiosità sul suo passato.

LEGGI ANCHE: Marina Massironi, dove è finita l’attrice e cosa fa oggi?

Giacomo di ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’: cosa faceva prima del successo

Giacomo Poretti è nato il 26 aprile 1956 a Villa Cortese, ha 65 anni ed è un famoso attore e comico. È diventato famoso facente parte del trio comico ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’.
Poretti ha sempre avuto una passione smodata per il teatro: sin da piccolo infatti recitava in alcune compagnie teatrali.

Ha conosciuto Aldo Baglio e Giovanni Storti in un resort in Sardegna dove lavorava come animatore. Prima di trovare il successo come attore e comico, infatti, Poretti ha svolto altri lavori. Oltre all’animatore turistico, Giacomo ha lavorato in fabbrica come metalmeccanico e soprattutto come infermiere per ben undici anni.

giacomo poretti
(Instagram)

Poretti iniziò a prestare servizio all’Ospedale civile di Legnano a 18 anni per evitare il servizio militare. Ha parlato di quell’esperienza in un’intervista rilasciata a Panorama in vista dell’uscita del suo libro “Turno di notte”, in cui parla proprio del suo passato in corsia.

L’attore e comico ha dichiarato di aver sofferto molto, perchè ha vissuto in prima persona situazioni molto difficili e a volte addirittura fatali: “Di arresti cardiaci me ne sono capitati cinque. Non tutti finiti bene. Due si sono salvati e tre no. Il primo decesso l’ho sofferto proprio tanto. Me lo ricordo bene, era un signore di poco più di 50 anni, aveva una brutta malattia”.