“Perdono chi mi ha picchiato, molestato, ma lei no”: tensione alta nella casa del Gf Vip

Tensione alta nella casa del GF VIP, la concorrente dichiara: “Perdono chi mi ha molestato, ma lei no”, ecco cos’è successo

casa gf vip
GF VIP 6, tensione alta nella casa: cos’è successo nelle ultime ore (Fonte: Screen Instagram)

La tensione si taglia con il coltello – come si suol dire – nella casa del Grande Fratello Vip. Dopo la scorsa puntata, la concorrente dichiara: “Perdono chi mi ha picchiato, molestato, ma lei no“. Di seguito vi spieghiamo cos’è successo.

LEGGI ANCHE: GF Vip, “Me ne vorrei andare”: la confessione lascia tutti di stucco

GF VIP 6, tensione nella casa: cos’è successo

Perdono chi mi ha picchiato, molestato, ma lei no“, questa è la frase pronunciata da Clarissa Selassié nei confronti di Soleil Sorge. Le due all’inizio erano molto amiche, poi qualcosa si è rotto. Soleil si è resa protagonista la scorsa settimana di un’uscita infelice, esclamando: “Smettetela di urlare come delle scimmie“.

La parola è stata male interpretata da alcuni concorrenti della casa del Grande Fratello Vip, che hanno chiesto la squalifica per razzismo. La modella italo-americana, però, si è scusata ed è riuscita a scansare la squalifica. Da quest’anno, infatti, il regolamento del reality show è cambiato e si condanna l’intenzione, non più la parola.

clarissa selassie
(Instagram)

Alcuni concorrenti, però, hanno il dente avvelenato con Soleil e tra questi figura ovviamente Clarissa Selassié. La principessa ha dichiarato di non reputare sincere le sue scuse: “Non sono mica scema, certo non mi faccio prendere in giro da lei. Se poi altri le credono ok, ma io ho le idee chiare”.

Clarissa ha poi espresso un pensiero che sicuramente farà discutere: “Io ho perdonato di tutto, chi mi ha menato, chi mi ha praticamente molestato, io ho perdonato di tutto nella vita, anche chi mi ha insultato, chi è stato razzista con me. Perché il perdono nasce quando quella persona ha un pentimento dal cuore. Questa persona non era pentita dal cuore e quindi non la perdono”.