Vuoi lavorare con Alessandro Borghese? Il famoso cuoco è alla ricerca di personale: “Mancano risorse”

Il famoso cuoco Alessandro Borghese è alla ricerca di personale: “Mancano risorse”, ecco le sue parole in un’intervista

“Sono alla perenne ricerca di collaboratori: vorrei tenere aperto un giorno in più, il martedì, e aggiungere il pranzo anche in settimana”: questo il grido di allarme di Borghese che è alla disperata ricerca di personale. Di seguito vi riportiamo le sue parole nell’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE: Alessandro Borghese, confessione agghiacciante: “Ho rischiato di morire”

alessandro borghese cuoco
Alessandro Borghese ricerca personale per il suo ristorante: le parole del cuoco (Fonte: Instagram)

Alessandro Borghese è alla ricerca di personale: le parole del cuoco

Borghese è figlio d’arte, in quanto i suoi genitori sono l’imprenditore napoletano Luigi Borghese e la famosa attrice Barbara Bouchet. Borghese è un cuoco assai famoso, oltre che un conduttore televisivo. Egli è amatissimo dal pubblico e alcune sue frasi sono diventate celebri. Ha esordito in televisione nel 2005 come conduttore di Cortesie per gli ospiti. Dal 2015, invece, conduce il suo programma “Alessandro Borghese – 4 ristoranti” su Sky Uno.

LEGGI ANCHE: Alessandro Borghese, lutto per il noto cuoco: è morto Giuseppe Laterza

alessandro borghese confessione
(Instagram)

Oltre ad essere un cuoco famosissimo, Borghese è anche un imprenditore. Sul finire del 2017 ha aperto il suo primo ristorante a Milano, Alessandro Borghese — Il lusso della semplicità. Attualmente Borghese è alla disperata ricerca di personale. Il cuoco ha lanciato un grido d’allarme attraverso un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

“Sono alla perenne ricerca di collaboratori: vorrei tenere aperto un giorno in più, il martedì, e aggiungere il pranzo anche in settimana”, ha dichiarato Borghese, aggiungendo che attualmente fa fatica a trovare nuovi profili, sia per la cucina che per la sala. Il cuoco ha poi confessato di aver perso alcuni elementi della sua brigata: “Sono tornate nelle loro regioni d’origine, dove hanno scelto un lavoro che richiedesse meno fatica psicologica, mentale e fisica”.

LEGGI ANCHE: Alessandro Borghese, la notizia lascia di stucco: ci sarà proprio lui, manca pochissimo

Il problema della mancanza di personale, secondo Borghese, sta proprio nella concezione del lavoro che secondo lui negli anni è cambiata: “La mia generazione è cresciuta lavorando a ritmi pazzeschi, oggi è cambiata la mentalità: chi si affaccia a questa professione vuole garanzie. Stipendi più alti, turni regolamentati, percorsi di crescita. In cambio del sacrificio di tempo, i giovani chiedono certezze e gratificazioni. In effetti prima questo mestiere era sottopagato: oggi i ragazzi non lo accettano”.

Anche la pandemia però, secondo il conduttore di “4 ristoranti”, ha cambiato anche il mondo della ristorazione: “Con le chiusure tante persone hanno avuto la possibilità di stare in famiglia. E hanno cambiato mestiere per avere più tempo. Prima del Covid c’era la fila di ragazzi fuori dai ristoranti, oggi non si vuole più fare questo lavoro”.