Piedi al limite, “Ogni passo una pugnalata”: la sindrome di Jewell è molto particolare

Jewell spiega a Piedi al limite di soffrire un dolore costante ai piedi, causato dalla sindrome da cui è affetta fin dalla nascita.

Jewell ha 29 anni e un dolore costante ai piedi come se li avesse fratturati. “Ogni passo è una pugnalata”, racconta a Piedi al limite. La sua fidanzata Dominique la vede soffrire e sta male quando lei piange e non può camminare per giorni o settimane.

Piedi al limite sindrome
Piedi al limite, “Ogni passo una pugnalata”: Jewell soffre di una sindrome molto particolare (Discovery+)

Leggi anche———->>>Piedi al limite, sotto il piede di Paul c’è qualcosa di orribile: solo un sesto dito o grave patologia?

Jewell sogna di potersi sposare indossando tacchi alti, ma al momento questo suo desiderio è irrealizzabile. Il dottor Brad Shaeffer spiega che le scarpe col tacco mettono sotto pressione la pianta, possono causare nevralgie, problemi alle ossa, alluce valgo, ecc. quindi si dovrebbero usare il meno possibile.

Quando il dottore visiterà Jewell si troverà davanti una situazione davvero sconcertante.

Piedi al limite, la strana sindrome di Jewell e la soluzione del dottor Shaeffer

La paziente è affetta dalla sindrome da banda amniotica, una rara condizione che si verifica quando il feto resta imbrigliato in membrane amniotiche. Se una di queste si stringe attorno alle dita dei piedi del feto, può anche amputarle. Nel grembo materno, la formazione delle dita del piede sinistro era iniziata ma è stata interrotta. Sotto la pelle si riescono a percepire le ossa e questo causa problemi di equilibrio.

Piedi al limite sindrome
Fonte foto: Discovery+

Al piede destro invece, Jewell presenta una caviglia molto gonfia evidentemente sintomo di una risposta infiammatoria che dipende dal modo di camminare per fronteggiare lo scarso equilibrio.

Leggi anche———->>>Piedi al limite, “Dita da E.T.”: non immaginereste mai cosa è costretto a fare Vakho per mettere le scarpe

Il famoso chirurgo podologo nota anche una dismetria degli arti inferiori, che fa sì che una gamba sia più lunga dell’altra, e pensa che una buona soluzione possano essere i plantari per stabilizzare la camminata. Perciò, durante la visita, prende il calco dei suoi piedi per produrre dei plantari su misura. Per il piede sinistro, che è privo di dita, Jewell dovrà mettere un plantare con una protesi che andrà a riempire lo spazio vuoto nella scarpa.

Leggi anche———–>>>Piedi al limite, le verruche condizionano la vita di Jake: i suoi piedi somigliano a ‘quelli di un cadavere’

Piedi al limite sindrome
Fonte foto: Discovery+

Ora Jewell può camminare senza sentire dolore e non dovrà più avere paura di cadere.