Bobby Solo è il nome d’arte di Roberto Satti, ma sapete perché si chiama così? Bizzarro retroscena, cosa accadde

Bobby Solo è famosissimo, ma non tutti sanno da cosa è nato il suo pseudonimo: al Corriere della Sera ha rivelato perché si chiama così.

All’anagrafe è Roberto Satti, ma per tutti è Bobby Solo: classe 1945, l’artista romano ha alle spalle una sensazionale carriera di cantautore di brani che hanno segnato un’epoca come Una lacrima sul viso. Vincitore di due edizioni del Festival di Sanremo negli anni ’60 con Se piangi se ridi e Zingara, ha anche partecipato all’Eurovision Song Contest del ’65.

Bobby Solo perché si chiama così
Bobby Solo è il nome d’arte di Roberto Satti, ma sapete perché si chiama così? Bizzarro retroscena, cosa successe (Credits: Rai Play)

Intervistato dal Corriere della Sera, lo storico ‘rivale’ di Little Tony ha raccontato varie curiosità sul suo percorso artistico. Ad esempio, come nacque il successo senza tempo di Una lacrima sul viso, forse la sua canzone più famosa, nonostante la squalifica dal Festival di Sanremo del 1964 dovuta all’esecuzione in playback.

Tutto ebbe inizio dalla domanda del padre di Mogol: questi gli chiese se avesse un brano in cantiere e lui gli fece ascoltare proprio Una lacrima sul viso che aveva scritto in cucina mentre sua madre era ai fornelli. “Lui ne sentì un pezzo e mi disse che il testo era banale ma la musica non era male”. Fu allora Mogol in persona a perfezionarla: “La compose al volo dettandomi le parole. Una lacrima sul viso è nata in 20 minuti dentro ad una R4 color grigio topo”, racconta.

Al noto quotidiano, Satti ha anche narrato il curioso episodio che portò alla nascita del suo nome d’arte.

Bobby Solo, perché si chiama così: l’avreste mai immaginato?

La sua storia professionale, che lo ha portato ad essere noto a livello internazionale, ha avuto inizio con qualche perplessità da parte di suo padre che, appassionato di musica classica, non gradiva molto che suo figlio cantasse brani rock.

“Si vergognava di me. Diffidò la casa discografica di allora, la Ricordi, dicendo che io ero minorenne e che non avrebbero dovuto usare il cognome Satti perché non voleva che all’Alitalia, dove lui lavorava come dirigente, venissero a sapere che io facevo il cantante”, spiega il padre dell’ex concorrente del GF 15 Veronica Satti.

Il direttore artistico decise allora di cambiare Roberto in Bobby. Ma da dove arriva “Solo”? Ebbene, si trattò di un errore di trascrizione. La segretaria chiese quale cognome aggiungere a Bobby e il direttore le rispose: “Solo Bobby”. Avendo frainteso, la donna lo ribattezzò quindi Bobby Solo.

Bobby Solo perché si chiama così
Credits: Rai Play

Lo avreste mai immaginato?